Seguici su

Cerca nel sito

Agricoltura, Ricci: ”Fondi per lo sviluppo della multifunzionalità”

L'Assessore: ''Da settore-cenerentola guadagna un ruolo di primo piano nel sistema economico regionale''

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il regolamento sulla multifunzionalita’ approvato dalla Regione Lazio stabilisce una grande novita’: il patrimonio agricolo del Lazio, compreso quello limitrofo ai centri urbani, rimarra’ agricolo e verra’ valorizzato attraverso il lavoro degli imprenditori agricoli presenti sul territorio e quello di altri soggetti economici connessi, per fornire una molteplicita’ di servizi a favore del miglioramento della qualita’ della vita dei cittadini” -. ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura Sonia Ricci durante la conferenza stampa di presentazione del Regolamento di attuazione della Multifunzionalità Rurale, che si è svolta oggi presso la sede della Regione Lazio alla presenza del presidente Nicola Zingaretti e all’assessore alle Politiche per il Territorio, Michele Civita.

“Si apre una nuova fase per l’agricoltura – ha precisato la Ricci -, che da settore -cenerentola guadagna un ruolo di primo piano nel sistema economico regionale: non più fornitrice di prodotti agricoli ma anche di servizi diversificati, orientati a garantire la buona qualità della vita dei cittadini, l’accoglienza e l’integrazione sociale. Una visione innovativa del rapporto tra città e campagna che, oltre a stimolare tante opportunità di occupazione e nuovi progetti di impresa, rende importante il contributo della nostra regione al dibattito internazionale attualmente in corso sulla connessione costruttiva tra l’agricoltura e il contesto urbano”.

“In virtù di questa nuova visione – ha concluso l’assessore Ricci – abbiamo previsto sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 un’apposita misura che mette a disposizione ben 44 milioni di euro di fondi per lo sviluppo della multifunzionalità in agricoltura. In questa direzione va anche la nuova normativa approvata lo scorso 5 agosto sull’agricoltura sociale che apre a nuovi scenari di riabilitazione e di integrazione, a potenziamento della funzione di nuovo motore economico dell’agricoltura”.

Più informazioni su