Seguici su

Cerca nel sito

Aumento tariffe: corrente elettrica + 3,4 % e il gas + 2,4%

Movimento Comune Autonomia e Libertà: "Chiediamo al Sindaco se, attraverso l'Anci, si possa sottoporre la questione al Presidente del Consiglio" 

Più informazioni su

Il Faro on line – “Un ‘pensionato quasi al minimo’, nella sua lettera al ‘Faro online’ ha chiesto che il presidente dell’Autority per l’energia venga allontanato, perche’ dal primo ottobre, la corrente elettrica costa il 3,4 % in piu’ e il gas il 2,4% in piu’. L’argomentazione del pensionato non è peregrina. Perche’ quest’aumento, si chiede? Quest’estate, periodo che dura poco, c’e’ stata una leggera diminuzione del costo dell’energia elettrica; invece adesso, per il lunghissimo periodo autunno-inverno, quando le famiglie e i singoli cittadini ne fanno più uso, il presidente dell’autority, chissa’ in base a quali suoi convincimenti, ha deciso l’aumento.

E che aumento! Il pensionato ha proprio ragione. Proprio perchè il periodo autunno-inverno è molto lungo e il consumo dell’energia elettrica e del gas è molto alto, ci si aspetterebbe un ulteriore abbattimento delle tariffe. Così non è.

Ogni anno accade la stessa cosa. In estate una leggera diminuzione, in inverno il salasso.
Il  mondo politico cosa dice? I nostri politici sanno bene che noi italiani non solo paghiamo le tasse più alte in Europa, ma più cari tutti i servizi, soprattutto quelli necessari, come appunto la luce il gas la benzina.

Riteniamo che non si possa stare zitti di fronte a questi fatti che riguardano le tasche già vuote o quasi dei cittadini. Noi ci rivolgiamo al nostro Sindaco affinchè, attraverso l’Anci, si possa sottoporre al Presidente del Consiglio la questione per ottenere l’abbattimento di questi, per noi, ingiustificati aumenti.
Che senso ha, infatti, promettere l’eliminazione di qualche tassa, da una parte, e dall’altra permettere ad un’autority di vessare i cittadini?” – comunicato del Movimento Comune Autonomia e Libertà.

Più informazioni su