Seguici su

Cerca nel sito

Una grintosa Latina cede solo nel finale a Siena

Di fronte a un pubblico spettacolare di circa 3500 persone Venacquista Latina da' tutto fino alla fine

Più informazioni su

Il Faro on line – In un palazzetto gremito di 3500 sostenitori della squadra senese, che non hanno mai smesso d’incitare i propri beniamini, la Benacquista Assicurazioni Latina Basket, mai doma e in forze ridotte, cede solo nel finale all’ostico avversario e si arrende sul risultato finale di 80-73. Una gara tutta grinta e forza di volonta’, penalizzata anche dalle assenze di Veccia e Tagliabue, che mette, pero’ in risalto la grande determinazione del team pontino nel contrastare un avversario difficile e molto fisico. Il prossimo appuntamento con i nerazzurri coinciderà con l’esordio casalingo in programma per domenica 11 ottobre alle ore 18:00 al PalaBianchini, quando il club pontino riceverà a Latina la giornata, disputato al PalaSojourner sabato sera.

“Sono molto contento della mia squadra, di come si sono comportati in campo, anche di fronte a un avversario molto più atletico che ci sovrasta fisicamente. Questa è stata la maggiore difficoltà della gara, che si è evidenziata in particolare nel terzo quarto, quando Siena è stata brava a utilizzare una grande energia in difesa e ha avuto la  capacità di conquistare tanti rimbalzi offensivi. Avremmo voluto portare il match punto a punto fino alla fine, ma  non ci siamo riusciti, in ogni caso sono davvero contento di quello che ha fatto la squadra in campo e  orgoglioso dei ragazzi” – commento di coach Gramenzi al termine della gara, il capo allenatore nerazzurro.

“Abbiamo giocato con le rotazioni ridotte – prosegue il tecnico – per via degli infortuni di Veccia e Tagliabue, che stiamo cercando di recuperare, magari in un prossimo futuro, potendo contare su fisico in più e, conseguentemente, su rotazioni maggiori, potremo competere meglio con i nostri avversari. Sono soddisfatto di allenare quotidianamente una squadra con cui lavoro molto bene e con la quale conto di potermi divertire”.

Si parte ad alto ritmo con l’emozione tipica del ‘primo giorno’ che fa commettere qualche imprecisione al tiro ambo le parti, ma anche con la grinta e l’energia che scaturiscono dall’importanza del match d’esordio. Mosley trascina Latina, mettendo a referto i primi 6 punti di gara (2-6 al 3’). Nicola Mei trova due triple consecutive e dopo i primi cinque giri di lancette, la Benacquista è sul +8 (4-12). Coach Ramagli chiama time-out e al rientro in campo arriva la pronta reazione senese (8-12).  La Mens Sana continua ad attaccare con intensità e, a 2:40” dalla sirena, si porta a una sola lunghezza di distanza (11-12). Botta e risposta tra Stanback e Diliegro (15-17 al 9’) e la partita mantiene un andamento vivace e divertente. Nicola Mei realizza la tripla del +4 pontino (16-20) a 20” dal termine, ma Borsato riduce la distanza (18-20). Quando mancano 4”, Nicola Mei dalla lunetta non realizza i due liberi e il primo quarto va in archivio sul 18-20 in favore dei nerazzurri.

In avvio di seconda frazione, Latina mette a segno 4 punti consecutivi con Uglietti e Ihedioha e si porta sul +6 (18-24) ma i padroni di casa reagiscono con un
Chace Stanback nella foto di Paolo LazzeroniChace Stanback nella foto di Paolo Lazzeroni
gioco da tre punti di Udom (21-24 al 12’). Latina commette qualche imprecisione in attacco, mentre Siena riduce ulteriormente le distanze con Bryant, chirurgico dalla lunetta (23-24 al 13’). Mosley batte Cucci e realizza il +3 nerazzurro (23-26) e, subito dopo, è autore di una bella stoppata sul fronte opposto. Si commettono imprecisioni al tiro da ambo le parti, fino a quando Udom pesca Ranuzzi sotto canestro e Siena si riporta ancora una volta a-1 (25-26 al 16’). Al 17’ i biancoverdi trovano il canestro del sorpasso con Udom (27-26).

E’ Cucci a incrementare il vantaggio  senese realizzando uno dei due liberi a sua disposizione, ma Latina risponde prontamente (28-28). Si prosegue con l’alternanza delle realizzazioni e il punteggio resta in parità (32-32 al 18’). Siena conquista un altro vantaggio (34-32) ma Mosley, ancora protagonista, realizza, prima il canestro dell’ennesima parità, poi la stoppata a fil di sirena sul tiro senese e si va tutti nello spogliatoio sul punteggio di 34-34.

Al rientro dagli spogliatoi è il capitano senese Ranuzzi a firmare la tripla del vantaggio della Mens Sana (37-34) ma è pronta la risposta nerazzurra con Stanback per la nuova parità (37-37 al 21’). Azioni rapide e vivaci con continui ribaltamenti di fronte (43-44 al 24’). Siena mette pressione all’attacco pontino, che non riesce a concretizzare, e trova anche delle buone soluzioni offensive che le permettono di guadagnare il + 4 (48-44 al 25’). Coach Gramenzi chiama time-out, ma i padroni di casa incrementano il vantaggio portando il parziale sul 9-0 (52-44 al 26’) anche per via di qualche ingenuità della formazione ospite. Una buona palla recuperata da Stanback, che fornisce l’assist a Uglietti, e finalmente si smuove il punteggio nerazzurro (52-46 al 27’).

Si prosegue con Latina che recupera altri 2 punti (52-48) ma Siena non molla: stringe le maglie difensive e trova ottimi varchi nell’area pitturata latinense (58-50 al 29’). Nella bolgia del PalaEstra il terzo periodo si conclude con i biancoverdi avanti di 8 lunghezze: 58-50 e Uglietti che non riesce a centrare la retina con la tripla a fil di sirena. Devono trascorrere due minuti dall’inizio dell’ultima frazione per vedere il primo canestro lo realizza Cucci per la Mens Sana, che incrementa ulteriormente il proprio vantaggio ,portandosi sul +14 (64-50) al 32’. Coach Gramenzi chiama time-out e al rientro in campo arrivano i primi 2 punti del periodo per la formazione nerazzurra, a firma di Uglietti (64-52). Sostenuta dai 3500 tifosi presenti sulle tribune del PalaEstra, la squadra di casa continua a gestire bene il proprio gioco, creando numerose difficoltà ai pontini, che fanno fatica a trovare la via del canestro (66-55 al 34’).

Latina prova a scuotersi con un bel gioco da tre punti di Ihedioha, che riduce il divario (66-58 a 5:13” dal termine della gara). I senesi sono determinati, ma la Benacquista non è certo da meno: stringe i denti e al 36’ ancora un canestro e fallo che Mosley traduce in 3 punti (69-63). I padroni di casa rispondono con un altro canestro (71-63)  e, dopo ulteriori 4 tentativi, realizzano i 2 punti del nuovo vantaggio in doppia cifra (73-63). E’ Tavernelli a dare nuova fiducia ai nerazzurri (73-66 al 38’). Non demorde Latina che, a 1:10” dalla sirena, realizza con Stanback la tripla del -6 (75-69), ma la Mens Sana risponde con la stessa moneta e, quando mancano 51” al termine, il tabellone segna 78-69. Il finale di partita è sancito dalla schiacciata di Roberts, alla quale segue un canestro nerazzurro (80-71 a 23”). La gara termina con la vittoria dei padroni di casa su una Latina mai doma, con il risultato finale di 80-73.

Donatella Schirra – Ufficio Stampa Latina Basket

Più informazioni su