Seguici su

Cerca nel sito

Rapina in farmacia. Il malvivente è stato arrestato

In manette sia il rapinatore che la sua compagna. Quest'ultima è accusata di favoreggiamento personale

Più informazioni su

Il Faro on line – Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Ostia hanno arrestato un 37enne romano, gia’ conosciuto alle forze dell’ordine, con le accuse di rapina, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. L’uomo, poco dopo le ore 20, armato di coltello e incappucciato, ha fatto irruzione in una farmacia in via Gino Bonichi e, dopo aver minacciato i dipendenti, si e’ fatto consegnare il denaro contenuto nelle casse, circa 100 euro. 

Deluso dal magro bottino, il rapinatore è uscito dalla farmacia borbottando, si è messo alla guida di un’autovettura e si è allontanato ad alta velocità. Le vittime hanno chiamato i Carabinieri della Stazione di Acilia che, in pochi attimi, sono arrivati sul posto. E’ scattato immediatamente il piano antirapina con l’intervento di altre pattuglie che, coordinate dalla Centrale Operativa, si sono messe sulle tracce del fuggitivo. I Carabinieri, dopo aver visionato le registrazioni delle telecamere di sorveglianza all’interno della farmacia, hanno subito focalizzato i loro sospetti su una persona, il 37enne romano, conosciuto ai militari per i suoi numerosi trascorsi con la giustizia. Una volta identificato l’autore della rapina, le “gazzelle” dell’Arma, coadiuvate da quelle del vicino Comando Stazione di Casal Palocco, sono intervenute ad ampio raggio nella zona ove l’uomo risulta essere residente, passando al setaccio l’intero quartiere. 

L’auto utilizzata per la fuga è stata individuata qualche minuto più tardi in via Maccari, nel quartiere San Giorgio, poco distante dalla farmacia rapinata. All’improvviso, il rapinatore è uscito da una delle vicine palazzine, salendo velocemente in auto e dandosi alla fuga: ne è scaturito un inseguimento che si è concluso in via Prato Cornelio, all’incrocio con via Domenico Morelli, dove l’auto condotta dal 37enne, dopo essersi scontrata con una Fiat Panda, è finita contro un muro. Nonostante l’impatto, il malvivente è uscito dall’abitacolo tentando una disperata fuga a piedi, interrotta pochi metri dopo dall’intervento risolutivo dei Carabinieri che lo hanno immobilizzato e ammanettato.

Le perquisizioni, una delle quali effettuata nell’abitazione della sua compagna in via Alberto Galli, hanno consentito ai militari di sequestrare gli indumenti indossati durante la rapina e di riscontrare che i coltelli da cucina presenti nella casa corrispondevano per forma e modello a quello utilizzato per minacciare le vittime. In questo frangente, la donna, una 36enne romana anche lei nota alle forze dell’ordine, pur di garantire l’impunità del complice, ha tentato di ostacolare le indagini fornendo false informazioni ai militari. Per lei inevitabile è scattato l’arresto per favoreggiamento personale. L’auto in uso al rapinatore, che ha riportato ingenti danni, risultata provento di un furto messo a segno lo scorso 28 settembre, è stata restituita al legittimo proprietario. Gli arrestati sono stati portati rispettivamente nel carcere di Regina Coeli e Rebibbia per disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su