Seguici su

Cerca nel sito

Usura: dalla Regione Lazio sostegno a imprese e famiglie”

Il consigliere Bianchi: "4,8 milioni di euro per sconfiggere l'usura"
Giancola (Pd): "Si punta al reinserimento degli usurati nella cosiddetta economia legale"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Quasi 5 milioni di euro nei prossimi due anni  per sconfiggere il fenomeno dell’usura, aiutare le  piccole e medie imprese  ad uscirne, risarcire le vittime e sostenere chi vuole ricominciare con una nuova attivita’. E’ quanto prevede la legge approvata oggi, con cui  rendiamo il sistema delle imprese laziali più forte e allo stesso tempo aiutiamo le famiglie in situazioni di forte indebitamento a venirne fuori. Per farlo verra’ rafforzata e sostenuta la rete territoriale fatta di associazioni, fondazioni ed enti che gia’ oggi sono attivi sul fronte anti-usura 

“E’ la risposta migliore che come Regione potevamo dare ad un fenomeno ancora molto presente nel Lazio e nella nostra provincia: Frosinone è 88° come rischio usura su 103 province italiane e a livello regionale c’è stato un aumento del 20% di richieste di aiuto rispetto agli anni precedenti.  Le piccole e medie imprese con un forte indebitamento e a forte rischio di usura potranno accedere fino a 50mila euro da restituire in 10 anni, mentre ci sarà un sostegno fino a 25mila euro per imprese che adottano misure per la competitività.

Altra novità introdotta dal testo è il riconoscimento del danno sociale, con un indennizzo alle vittime di usura da 5mila  fino a 20mila euro. L’intervento è in linea con i dati del Viminale, che fotografano un indebitamento medio delle famiglie proprio di 20mila euro. Ci sarà un forte controllo sull’utilizzo dei fondi e sui beneficiari: ad esempio per poter accedere all’indennizzo sarà necessario che le vittime abbiano sporto denuncia, siano estranee ad ambienti criminali e che sia attestata la difficoltà economica. Allo stesso tempo sulle imprese saranno utilizzati tutti gli attuali sistemi di valutazione previsti dalle leggi anti-usura.

Per vincere questa battaglia, ci sarà anche una forte attività di prevenzione basata da campagne informative, attività di prevenzione e programmi di micro-credito. Da oggi avremo  un’economia laziale più sicura e solida con un’attenzione maggiore alle tante famiglie in difficoltà. I tanti volontari e professionisti che nel silenzio lavorano quotidianamente sui territori, avranno infatti maggiori risorse e strumenti per salvare un’impresa dal fallimento o una famiglia dallo sfratto. Un messaggio concreto di speranza in un momento in cui, dopo la crisi, iniziamo a vedere i primi segnali di ripresa” – così Daniela Bianchi, consigliera regionale del gruppo Sel in merito all’approvazione della legge 64 per il contrasto all’usura, votata all’unanimità dal Consiglio Regionale del Lazio.

La consigliera regionale del Pd Rosa Giancola dopo l’approvazione in aula della proposta di legge in materia di interventi regionali in favore dei soggetti interessati dal sovraindebitamento o dall’usura: “Esprimo una forte soddisfazione per la legge approvata in Consiglio Regionale con il voto e la partecipazione di tutti i gruppi presenti in aula. Questa punta direttamente al reinserimento degli usurati nella cosiddetta economia legale, attribuisce indennizzi ad aziende e famiglie e sostiene le potenziali vittime.

La norma approvata individua i soggetti interessati: famiglie e piccole e medie imprese, mentre chi dovrà operare sono i Confidi, le fondazioni, le associazioni riconosciute e gli enti di solidarietà. È un tema questo che sento sulla mia pelle e su quella dei miei concittadini. 
La provincia di Latina, infatti, da tempo è afflitta in maniera pesante dalla piaga dell’usura. Questa legge, invece, dimostra che le istituzioni riescono stare dalla parte dei cittadini, soprattutto quelli che hanno una debolezza personale ed attraversano un angosciante periodo della loro vita”.      

Più informazioni su