Seguici su

Cerca nel sito

Alessio Addezi: “Giù le mani della politica dal Centro Anziani Nuova Florida”

L'Associazione Presenza Solidale: "Restano a noi ignoti i reali motivi dell'accanimento contro uno strumento di aggregazione sociale"

Più informazioni su

Il Faro on line – “L’ultimo Consiglio Comunale di Ardea che era chiamato a discutere delle sorti del Centro Anziani Nuova Florida si e’ concluso con un nulla di fatto. Nessuna delle ipotesi di cambio di destinazione d’uso dei locali del Centro Anziani si è ne discussa ne approvata. Questo pero’ non ci tranquillizza affatto sul destino del centro di aggregazione sociale, verso il quale, registriamo la volonta’ di certa politica, di metterci le mani, partendo dalla strumentalizzazione delle dinamiche interne al centro, per giungere alla sua definitiva chiusura. Restano a noi ignoti i reali motivi di quello che apparrebbe come un accanimento, contro uno strumento di aggregazione sociale utile ai cittadini, gli anziani che lo frequentano ma non solo, anche le famiglie del territorio lo vedono come un momento di socialità, capace anche di supportare in tempi di crisi, l’esistenza di soggetti deboli quali gli anziani, in assenza di un’adeguata offerta di servizi sociali da parte delle istituzioni pubbliche”- dichiara in una nota Alessio Addezi, Presidente dell’Associazione Presenza Solidale.

“Il Centro Anziani – prosegue Addezi – se opportunamente inserito all’interno di una rete sociale di assistenza e supporto, è uno strumento importante per tutta la comunità rutula, ma ciò che più ci preoccupa – sottolinea Addezi – è la totale mancanza da parte dell’amministrazione comunale, di una programmazione e pianificazione dell’offerta di servizi. Prova ne è il fatto che nell’ultimo Consiglio, le proposte che miravano ai locali del Centro Anziani, erano l’una diversa dall’altra: chi proponeva di installarvi alcuni uffici comunali decentrati, chi un asilo, ma nessuna delle proposte, a parte la chiusura del Centro Anziani, conteneva un vero progetto di rete dei servizi territoriali alla persona”.

Più informazioni su