Seguici su

Cerca nel sito

Comitato Focene: “Ciclabile Coccia di Morto, è allarme baciapiedi”

Il presidente Ambra Camillo: “Dopo poche settimane dalla sua inaugurazione questa pista ha già dato fin troppi problemi”

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ allarme ‘baciapiedi’ sulla pista ciclabile di Coccia di Morto, che collega Focene con Fiumicino, negli ultimi giorni sono stati diversi i ciclisti rimasti a piedi con le ruote a terra, a lato del tracciato, tra la vegetazione, e’ presente un tipo di pianta infestante che produce lunghi fusti striscianti. I semi spinosi che produce in gran quantita’, chiamati appunto ‘baciapiedi’, una volta secchi pungono terribilmente e bucano con facilita’ le gomme delle biciclette. “Sono giorni che ci segnalano questa problematica, soprattutto dopo l’ultima manutenzione avvenuta da parte della ditta incaricata dall’amministrazione comunale. I bikers ci hanno fatto notare che questi semi spinosi dopo lo sfalcio delle erbacce sono andati a finire sulla pista ciclabile. Una nostra concittadina si è vista costretta a farsi a piedi 5 km per tornare da Fiumicino a Focene. Tutto questo è assurdo”– sottolinea Ambra Camillo, presidente del ‘Nuovo Comitato Cittadino Focene’.

Il ‘Nuovo Comitato Cittadino Focene’ non ha lasciato cadere nel vuoto questa serie di segnalazioni, tanto che ieri ha voluto toccare con mano la situazione. “Essendo un biker volevo rendermi conto di persona della situazione – dice Francesco Camillo, membro del direttivo del Comitato – Purtroppo anche io sono caduto nella trappola dei baciapiedi, tornando a casa con la ruota a terra. Ho contato ben sei baciapiedi sul copertone”. Il ‘Nuovo Comitato Cittadino Focene’ si rivolge all’Amministrazione comunale per porre fine a questo disagio.

“Ci auguriamo che il Comune intervenga per far ripulire tutto il tracciato, perché se si dà un servizio ai cittadini lo si deve dare nel migliore dei modi possibili – dice Ambra Camillo – Perché dopo poche settimane dalla sua inaugurazione questa pista ha già dato fin troppi problemi”.

Più informazioni su