Seguici su

Cerca nel sito

In fase di completamento i lavori degli 80 loculi del lotto 4° del corpo B del cimitero

Va ricordato che i loculi furono posti sotto sequestro giudiziario da parte della Polizia Municipale per abuso edilizio

Più informazioni su

Il Faro on line – Sono in fase di completamento i lavori degli 80 loculi del lotto 4° del corpo B del cimitero di Via Nazareno Strampelli grazie alla professionalita’ del neo dirigente Ing. Emilio Murano e la caparbietà dell’assessore Roberto Matricardi. Per questo il dirigente porta a conoscenza ai familiari dei defunti, posti in loculi provvisori, che possono ottenere la concessione definitiva dei nuovi loculi presentando o rinnovando (in caso di richiesta già inoltrata precedentemente) apposita istanza presso l’ufficio protocollo del comune di Ardea, sito in Via G. Garibaldi, 5.

Tale domanda o rinnovo dovrà pervenire entro e non oltre il 30 Novembre 2015 utilizzando il modello predisposto e disponibile presso i cimiteri di via N. Strampelli e via Santa Marina o sul sito interne www.ardea.gov.it . Quest’opera iniziata quasi cinque anni fa, ha visto il succedersi di diversi dirigenti (quattro) ma mai nessuno si era così impegnato a portare a risoluzione il problema.

Va ricordato che i loculi furono posti sotto sequestro giudiziario da parte della Polizia Municipale per abuso edilizio non avendo chiesto per tempo ed ottenuto prima dei lavori il nulla osta del genio civile, successivamente dissequestrato il cantiere, questi è rimasto ancora per anni fermo fin quando non sono arrivati l’Ing. Murano e l’assessore Matricardi che sensibili ai problemi dei cittadini e di chi colpito da lutto ha portato a termine l’opera per dare una degna e soprattutto definitiva sepoltura alle salme magari appagando “gli amorosi sensi” dei propri cari.  

Va ricordato che ci sono state salme che sono state rimosse anche sei volte prima di trovare un loculo definitivo. Tra questi il grande Maestro Francesco Califano detto Franco, che prima di riposare nella tomba è stato ospitato in un loculo provvisorio.

Luigi Centore

Più informazioni su