Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino centro, prigionieri del traffico

Movimento Comune Autonomia e Libertà: "L'intera città non può essere tormentata da un passaggio asfissiante di lamiere e motori"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Ormai  da tempo non abbiamo più la possibilita’ di muoverci nella nostra citta’ e in modo particolare, a Fiumicino Centro. Perfino i pedoni risentono del fenomeno, costretti a muoversi fra questo fiume di auto, che s’impossessa delle nostre strette strade per tutto il pomeriggio e fino a sera. Gli automobilisti hanno il diritto di servirsi di tutte le strade, è vero! Ma l’intera citta’ non può essere tormentata da un ‘passaggio asfissiante’  di lamiere e motori. In massima parte si tratta solo di un passaggio di lavoratori che cercano di superare  il perenne  traffico che si forma su via dell’Aeroporto nella speranza di guadagnare tempo nell’oltrepassare il famoso ‘tappo’ denominato Ponte della Scafa.

Che fare? Attualmente sembra non ci siano soluzioni a portata di mano. Da anni si ventila l’ipotesi di porre la ZtL, ma  questo provvedimento sarebbe solo una toppa, mentre il problema è molto più grande e complesso. Chi ha permesso la costruzione di Parco Leonardo, della Fiera di Roma, della Commerce City, ad esempio, avrebbe dovuto controllare che venissero costruite prima le ampie strade di accesso, per altro previste nei progetti ed a carico del costruttore” – lo dichiara in un comunicato il Movimento Comune Autonomia e Libertà

“Invece – prosegue il comunicato – si è proceduto secondo il solito modo tutto italiano: ‘…per le strade poi si vedrà… e ci dovranno pensare le amministrazioni locali…’.
Il Giubileo della Misericordia è alle porte  e non possiamo offrire sempre lo stesso spettacolo del caos e del trasporto pubblico ancora inadeguato per mezzi orari e coincidenze.
Cogliamo l’occasione di quest’evento universale  per incontrare intorno ad un tavolo tutte quelle Autorità competenti per affrontare il serio problema del traffico che da anni affligge i residenti e trovare insieme delle vere soluzioni.
Chiamiamo il Prefetto Gabrielli, il Commissario del Comune di Roma, il Ministro dei Trasporti e Infrastrutture, il Ministro dei Beni Culturali, i responsabili della Città Metropolitana, per decidere i provvedimenti da prendere subito in occasione del Giubileo e le opere da mettere in cantiere per l’immediato futuro”.

“Pensiamo – conclude il Movimento Cal – all’ampliamento del Ponte della Scafa; alle modifiche agli svincoli e incroci di via dell’Aeroporto, alla realizzazione dei Ponti sul Tevere all”altezza della località Bagnoletto e Fiera di Roma, su cui far anche la metropolitana. Ricordando che nel progetto Fiera di Roma era già  previsto la realizzazione del ponte sul Tevere.
Queste opere sono indispensabili non solo per lo scorrimento del traffico ma anche per uno sviluppo concreto del nostro paese. Per quanto riguarda Fiumicino centro c’è sempre da risolvere la strettoia del Ponte 2 Giugno e su questo  sembra che l’unica soluzione concreta sia  quella del  sottopasso”.

Più informazioni su