Seguici su

Cerca nel sito

Ambiente: anche Ardea partecipa all’iniziativa Comieco delle Cartoniadi

L'assessore all'Ambiente: "Invitiamo i cittadini a curare tutto l'anno la raccolta di carta e cartone"

Più informazioni su

Il Faro on line – Anche il Comune di Ardea partecipa alle Cartoniadi, l’evento organizzato dal Comieco (Il Consorzio nazionale per il riciclo di Carta e cartone) per valorizzare l’impegno della collettivita’ verso un obiettivo comune: una piu’ corretta gestione dei rifiuti. Si tratta di una gara tra Comuni della stessa Regione che, per un mese, si sfidano a colpi di quantità e qualità di carta e cartone per decretare il campione del riciclo. In questo mese di novembre gli ardeatini competeranno con i cittadini di Alatri, Aprilia, Borgorose, Cassino, Formia, Ladispoli, Latina, Nettuno, Rieti, Terracina, Vetralla e dell’Unione dei Comuni della Bassa Sabina.

Chi raccoglie di più e meglio carta e cartone può ottenere uno dei tre premi economici (il primo, 50mila euro, il secondo, 30mila, il terzo, 20mila) che serviranno per opere per la città. Ad Ardea l’intenzione è quella di investire nelle aree verdi all’interno delle scuole. Come fare una buona raccolta di carta e cartone? Bisogna selezionarla correttamente, togliendo nastri adesivi, punti metallici e altri materiali (come la plastica che avvolge le riviste), vanno appiattite le scatole e compressi gli scatoloni, non vanno smaltite carta e cartone con residui di cibo e terra, i fazzoletti di carta e i tovaglioli usati vanno nell’umido (e non nella carta e cartone), gli scontrini fiscali vanno nel non riciclabile (e non nella carta e cartone), così come per la carta oleata (per affettati, formaggi, focacce) e per i cartoni usati della pizza. Non va nella carta e cartone quella carta sporca di sostanze velenose (come le vernici o i solventi), perché contamina quella pulita.

“Invito tutti i cittadini a curare la raccolta di carta e cartone – ha spiegato Roberto Matricardi, assessore all’Ambiente – Ciò, non solo per queste Cartoniadi, ma anche per tutto il resto dell’anno. E’ una profonda iniziativa di educazione alla quale chiediamo a tutti di partecipare”.

Più informazioni su