Seguici su

Cerca nel sito

Cri organizza un incontro pubblico su emergenze e disastri idrogeologici

Rufo: "Esseri consapevoli del pericolo e delle misure di autoprotezione anche attraverso i propri comportamenti"

Più informazioni su

Il Faro on line – Con l’intenzione di aumentare “la consapevolezza del pericolo e le misure di autoprotezione anche attraverso i propri comportamenti”, la Cri di Latina ha organizzato un incontro dal titolo “Dalla bonifica alla resilienza della Comunita’ Pontina”, che si terrà domenica 15 novembre prossimo, alle 16, presso il centro servizi della Curia vescovile di Latina (ingresso da via Sezze 16). Infatti, aumentano sempre più le notizie di disastri naturali in Italia causati da alluvioni, bombe d’acqua, frane e smottamenti vari del territorio. Sembra ormai che nessuna zona del Belpaese possa vivere con tranquillità il procedere delle stagioni.

Così anche a Latina, i volontari del Comitato Locale della Croce Rossa Italiana si sono posti alcune domande: “La mia casa è sicura? La strada che percorro ogni giorno per andare a lavoro è sicura? Conosco i corretti comportamenti da assumere in caso di un evento idrogeologico che colpisca il luogo in cui vivo, lavoro o transito abitualmente?”. Domande che dovrebbero porsi anche gli stessi residenti, vista la natura del comprensorio pontino strappato alle acque della palude e attraverso un complesso sistema di canali la cui gestione proprio di questi tempi è messa a rischio a causa delle difficoltà dell’ente preposto a questo compito. Addirittura, sempre la città di Latina ha iniziato a vivere di recente l’incubo delle scosse di terremoto.

“Noi vogliamo parlare ai cittadini, a loro ci rivolgiamo con la massima priorità perché siamo convinti che quel minimo bagaglio di conoscenze sui comportamenti da tenere, in caso di disastri faccia veramente la differenza. Di cuore invito tutti a partecipare, è per il nostro bene”, ha spiegato Giancarlo Rufo, commissario del Comitato Cri Latina. Nel corso dell’incontro, sono previsti gli interventi di due esperti, i geologi Massimo Amodio e Giancarlo Bovina, i quali illustreranno gli “elementi di conoscenza sulla pericolosità geologica del territorio pontino: approfondimento sul rischio idrogeologico e sismico”.

Seguiranno interventi di Lisa Coletto, istruttore di Protezione Civile della Cri, e l’attesa testimonianza del tenente colonnello CRI Emerico Laccetti, responsabile del CIE di Roma, la struttura della Croce Rossa Italiana da sempre prima a partire in occasione delle emergenze nazionali e internazionali.
Per informazioni: Ufficio stampa CRI Latina
– vol. Bianca Francavilla – cell. 389-9434053
– vol. Remigio Russo (resp.) – cell. 328-2357873.

Più informazioni su