Seguici su

Cerca nel sito

Vincoli, tasse ed edificabilità: si riunisce il Comitato Spontaneo

Tante perplessità, poche certezze. E la situazione si complica

Più informazioni su

Il Faro on line – Diciamolo senza troppi giri di parole: c’è chi sta fallendo. A forza di chiedere ogni anno tasse su tasse per terreni virtualmente edificabili in un futuro indeterminato, si stanno prosciugando le tasche di intere famiglie. E non parliamo solo degli ormai noti B4a, ma di tutte le tipologie di terreno che, per un verso o per un altro, risultano bloccate da diversi vincoli e dunque edificabili solo sulla carta.

Di questo e di altro si parlerà questa sera nei locali della parrocchia della Divina Provvidenza, a partire dalle 18, in un incontro organizzato dal Comitato Spontaneo Isola Sacra.In realtà sul tappeto ci sono molte questioni, perché negli anni l’inerzia amministrativa degli enti preposti non ha messo un punto fermo alla storia dei vincoli, che si sono succeduti e tra loro ingarbugliati.

Imu e Tasi, tanto per fare un esempio, hanno incrociato il loro peso specifico gravando su terreni per sui quali i servizi sono solo virtuali, in quanto non c’è alcuna costruzione da servire. Allo stato attuale, infatti, il vincolo paesaggistico, quello archeologico, il vincolo R4, quella relativo alla Co2 e il vincolo alluvione rendono di fatto i terreni inedificabili.

Dalla Fiumicino Tributi e dal Comune, poi, arrivano informazioni non chiare. Le scontistiche decise dal Comune, infatti, al di là delle aliquote abbassate per tutti nel corso degli anni, prevederebbero in accertamento di adesione scontistiche differenziate, il che non solo è discutibile sul piano della correttezza tra proprietari, ma apre un fronte rispetto a chi invece ha già pagato. In sostanza, se gli sconti valgono per chi ancora non ha pagato, chi invece l’ha fatto si vedrà rimborsati i soldi? E come? Si possono fare sconti retroattivi?Insomma, un guazzabugliio ancora lontano dall’essere definito. Stasera, comunque, si cercherà di fare il punto della situazione pronti a nuove battaglie.

Nei giorni scorsi il Comitato aveva chiesto un “incontro urgente” all’amministrazione comunale (agli assessori Galluzzo e Di Genesio Pagliuca nonché al dirigente Zaccaria), ma dal 4 novembre, giorno del protocollo, nessuno si è fatto sentire. Di questo passo arriverà prima il momento di pagare che quello del confronto.

Nella missiva si chiedeva di trovare “ogni possibile soluzione in grado di mitigare la morsa economica che attanaglia i proprietari di terreni ad Isola Sacra”, da anni vessati da richeiste di tasse che vengono definite “inique”.
Ilaria Perfetti

 

Più informazioni su