Seguici su

Cerca nel sito

Progetto Piazza Grande, Pd: “E’ un’agorà, non una colata di cemento soffocante”

Pd: "Il progetto è stato giudicato sostenibile sotto il profilo ambientale e conveniente sul piano economico sia per il Comune che per i residenti"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Una piazza alberata, attrezzata, con servizi, e’ un luogo aperto di aggregazione. E’ un’agora’, non una colata di cemento soffocante come si vuole far credere con sterile contrapposizione e propaganda pre-elettorale. E’ una litania, un mantra ossessivo recitato dal Movimento 5Stelle gia’ Grillo a braccetto con qualche gruppo satellite. Le colate di cemento evocano scatoloni squallidi, ecomostri pluriplano. Ecomostri che non sono in programma nel comprensorio di Ladispoli e nello specifico non riguardano la riqualificazione dell’area del Campo Sportivo” – lo dichiara in una nota il Pd di Ladispoli.

“Il Circolo del Partito Democratico ha esaminato con molta attenzione il progetto e lo ha giudicato sostenibile sotto il profilo ambientale e conveniente sul piano economico sia per il Comune che per i residenti. Quindi l’etichetta di persone sprezzanti dell’ambiente la rimandiamo al mittente invitandolo peraltro a smetterla con lo “stellicidio” di basse insinuazioni nei confronti dell’Amministrazione comunale di centro-sinistra. Domenica 29 novembre il progetto verrà presentato ufficialmente, come è giusto che sia, agli abitanti della zona che avranno così la possibilità di vedere la trasformazione di un’area che se li riguarda da vicino nel contempo apporterà complessivamente un moderno elemento di pregio urbanistico in più per tutta la città, rimuovendo inoltre un residuo del passato, di quegli anni cinquanta e sessanta quando si edificava senza lasciare spazio al verde e ai parcheggi”.

“Dopo la presentazione ai cittadini il progetto – prosegue la nota – seguirà l’iter istituzionale. Contro la riqualificazione è stato detto di tutto e di più dai 5Stelle & Co.: Esproprio, svalutazione degli immobili, tanto per citare. Forse non si sono ancora resi conto che la demagogia degli “espropri proletari” è passata da un pezzo e che rimuovere il muro di tufo e il filo spinato del Campo Sportivo significa dare aria e panorama agli edifici presenti, perciò miglioria e competitività sul mercato immobiliare. Ma veniamo ai numeri, al costo dell’operazione, al conto economico tenendo presente che ormai anche un tecnico comunale o un geometra al loro primo giorno di lavoro sanno che in Italia il prezzo di esproprio si basa sul prezzo di mercato delle aree circostanti e non su quella della destinazione:
Costo dell’operazione se dovesse essere fatta dal Comune:
·Esproprio: 15 mila mq per € 200 mila (minino) al mq € 3 milioni –
·Sistemazione dell’area: 15 mila mq x € 100 mila al mq € 1,500 milioni – ·Realizzazione 2° Campo di calcio in zona Campi Vaccina € 700 mila per un totale di € 5,200 milioni-

Costo dell’operazione se dovesse essere fatta dalla società proponente:
·Nessun costo per il Comune che potrebbe incassare 300mila Euro come oneri di costruzione da destinare ad opere e servizi per il Quartiere.
Tempi dell’operazione di recupero:
·Qualcuno può realisticamente pensare che il Comune possa avere oggi, o nei prossimi anni, 5 milioni di euro da investire nell’operazione?
·La società proponente potrebbe realizzare l’intervento entro 1 anno dal nulla osta della Regione.”

“L’alternativa come la intendono i nemici del progetto, ossia i 5Stelle e sigle varie, è “uno spazio enorme e senza identità, purtroppo abbandonato al degrado e ai vandali” per un tempo indefinito. Se come ci auguriamo l’operazione andrà a buon fine, d’istinto vorremmo suggerire ai 5Stelle e derivati di non frequentare per incompatibilità la piazza, la nuova agorà, ma siccome siamo “forza di governo che rappresenta la Citta’ noi lottiamo per i diritti di tutti i cittadini, anche quelli contrari; la nuova Piazza sarà di tutti e per tutti, anche di quella parte di cittadini che oggi dicono di no!” – conclude il Pd di Ladispoli

Più informazioni su