Seguici su

Cerca nel sito

Abolizione Province, Cucunato: “Crescono i costi, diminuiscono i servizi”

Il Vice Coordinatore di Forza Italia: "Una riforma inutile, inopportuna, senza senso a danno dei territori, dei comuni e dei cittadini"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Un anno dopo l’abolizione delle Province avvenuta con la legge Delrio, con cui il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi aveva ipotizzato una drastica riduzione delle spese si copre che i costi sono aumentati e i servizi diminuiti, mentre  permane il caos istituzionale sulle competenze e sulle funzioni”. Questo è quanto dichiara Piero Cucunato Vice Coordinatore di Forza Italia a margine dell’incontro odierno dove sono stati analizzati i primi dati dell’effetto della riforma.

“Un rimpallo di competenze tra enti, (non si sa, chi fa, che cosa, quando)  – sostiene Cucunato – Si viaggia in molti casi, senza una programmazione, con l’unica verità che la riforma sulle provincie è stata un bluff, come tutti quelle riforme volute dagli ultimi tre governi in carica. Da Monti a Letta fino ad arrivare a Renzi si è assistito ad una serie di annunci e tentativi di riforma che nulla hanno a che fare con la democrazia”.

In taluni casi l’elezione indiretta porterà ad una serie di ricorsi futuri che graveranno sulle casse dello stato per illegittima interpretazione della legge. “L’unica cosa vera è che oggi permangono solo due livelli amministrativi territoriali con elezioni dirette quello delle Regioni e quello dei Comuni”.

Dall’analisi emerge che non ci sono più circa 100  presidenti di provincia,  si è rinunciato ad oltre 750 assessori e 3.000 consiglieri, ma  questo risparmio che incide solo per lo 0,9%  circa 100 milioni di euro, è nulla rispetto all’aumento dei costi di funzionamento delle provincie, aumentato di oltre il 5%. Oggi spendono circa un miliardo di euro in più rispetto al passato, con la conseguenza certificata di maggiori disservizi per i cittadini.

“Le competenze delle province si perdono nei rimbalzi amministrativi di un’ente che monitora con difficoltà il territorio – in molti casi conclude Cucunato – dirigenti incompetenti e burocrati hanno disegnato le priorità di intervento e di gestione, senza tener conto delle esigenze dei cittadini e delle comunità locali. Una riforma inutile, inopportuna, senza senso a danno dei territori, dei comuni e dei cittadini soprattutto a Roma e nel Lazio dove il caos istituzionale regna sovrano, sia nella città metropolitana, sia nelle province del Lazio, di cui unico colpevole è questo Governo e la maggioranza di chi lo sostiene”.  

Più informazioni su