Seguici su

Cerca nel sito

Autismo, scuola e Anffas: siglato il protocollo della Regione Lazio

Galloni: "Si tratta del primo documento di questo tipo nella Regione Lazio tra una scuola e Anffas Ostia"

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ stato siglato tra l’Istituto comprensivo ‘Via delle Azzorre’ di Ostia e Anffas Ostia Onlus, il primo protocollo d’intesa della Regione Lazio tra una scuola e un ente specialistico che regolamenta in maniera specifica gli interventi educativi in classe dedicati ad alunni con disturbi dello spettro autistico. “Si tratta di un atto di importanza fondamentale per questo ringrazio il dirigente scolastico dell’istituto Rejana Martelli, promotrice del protocollo, il Miur e l’Asl Roma D che hanno fatto da garanti” – spiega il direttore generale di Anffas Ostia Onlus, Stefano Galloni.

“Si tratta del primo documento di questo tipo nella Regione Lazio tra una scuola e Anffas Ostia, ente che porta avanti dal 2007 in coprogettazione con l’Asl Roma D uno dei progetti specialistici più avanzati sui disturbi dello spettro autistico in Italia. È evidente la portata di un atto che indirettamente sanziona tutti quei dirigenti scolastici e istituti che fino a oggi non hanno consentito prestazioni educative e comportamentali specifiche per patologie dell’isolamento, come l’autismo, in classe”. 

“Un protocollo – sottolinea ancora Galloni – che responsabilizza le parti e va a integrare il Piano Educativo Individuale rispondendo in generale ai bisogni previsti dall’articolo 14 della legge 328 sui progetti di vita individualizzati. Il documento inoltre consente di individuare, insieme alla famiglia e alla scuola, gli obiettivi da raggiungere e la loro valutazione totale o parziale oltre a dare i giusti strumenti all’istituto in caso di prestazioni indebite o non adeguate. Quello firmato oggi è un modello generale da estendere al resto del territorio, anche lì dove il progetto è già attivo”. 

Il protocollo mira a “favorire e migliorare l’inserimento e l’inclusione del percorso scolastico degli alunni” con interventi personalizzati “attraverso azioni di coordinamento dei processi pedagogici” tali da “garantire il loro inserimento scolastico” attraverso personale specializzato: educatori professionali e psicologi, con preparazione specifica in ambito comportamentale (Aba, Teacch). Gli interventi includono azioni di carattere educativo, di sviluppo degli apprendimenti e di supporto alla didattica in raccordo con l’attività svolta dai docenti. Sono inerenti all’acquisizione di competenze cognitive, linguistiche e comunicative, ovviamente strutturate da insegnanti e terapisti, dopo un’attenta valutazione congiunta delle potenzialità residue degli alunni per garantire il massimo successo delle sue performance. 

I terapisti di Anffas Ostia Onlus, all’interno del contesto scolastico, proporranno operativamente e in modo integrato una metodologia chiara e funzionale degli interventi, per coinvolgere soprattutto l’insegnante di sostegno e tutto il gruppo classe, per quanto possibile, sempre nel massimo rispetto delle programmazioni didattiche in itinere. Le attività e gli interventi psico-educativi, tarati secondo le caratteristiche del singolo utente saranno concentrati sull’area cognitiva, linguistica e della comunicazione, adattivo e sociale. Il vantaggio assoluto è che gli interventi posti nel protocollo, garantiscono procedure inclusive che potenziano il fine educativo di cui la scuola è e rimane titolare, sia a livello relazionale tra alunni, sia nelle scale di apprendimento.

Più informazioni su