Seguici su

Cerca nel sito

Firmata la convenzione per la Centrale Unica di Committenza

I sindaci Montino e Pascucci: “Garantiremo procedure lineari e trasparenti”

Più informazioni su

Il Faro on  line – E’ stata firmata oggi dal Sindaco di Fiumicino, Esterino Montino e dal Sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci la convenzione che permette la costituzione tra i due Comuni di una Centrale Unica di Committenza per la gestione associata delle gare di affidamento di lavori pubblici, servizi e forniture. “La convenzione avra’ durata triennale – spiegano in una nota congiunta i Sindaci Montino e Pascucci – e sarà finalizzata ad una migliore programmazione e una gestione ottimale delle procedure di acquisizione di lavori, servizi e beni. Rimarrà inoltre aperta ad altri Comuni del territorio che intenderanno entrarne a far parte per gestire in forma associata le procedure di acquisizione di lavori, servizi e beni”.

Obiettivi fondamentali della convenzione sono quindi la trasparenza e l’efficienza dell’azione amministrativa: razionalizzare l’utilizzo delle risorse umane, strumentali ed economiche nelle procedure di acquisizione di lavori, servizi e beni; produrre risparmi di spesa, attraverso una gestione unitaria delle procedure di acquisizione; valorizzare le risorse umane impegnate nelle procedure di acquisizione di lavori, servizi e beni, anche mediante rafforzamento della qualificazione e delle competenze. Il comune capo-convenzione, detto Stazione Appaltante, sarà il Comune di Fiumicino. 

“Dopo il voto favorevole dei Consigli comunali di Fiumicino e Cerveteri, con la firma di oggi passiamo alla fase operativa. In questo modo attuiamo l’indicazione di legge che impone agli enti locali di ricorrere a forme aggregate di acquisto di beni e servizi – spiegano il Sindaco Montino e il Sindaco Pascucci – Da oggi tutti i bandi di gara passeranno attraverso un solo soggetto responsabile che opererà nel segno della legalità, del risparmio e della trasparenza. Una riforma di fondamentale importanza, che introduce nuove certezze nella gestione responsabile della cosa pubblica”. 

Più informazioni su