Seguici su

Cerca nel sito

Isis, Pinotti: “A Mosul militari italiani non per combattere”

Il Faro on line - "Non andiamo a combattere bensì a compiere interventi per preservare la diga, un'infrastruttura fondamentale per il futuro dell'Iraq, che se abbandonata rischia 
di provocare un grave danno ambientale". Così Roberta Pinotti, ministro della Difesa, ospite oggi ad Agorà su RaiTre, commenta il prossimo invio di 500 militari italiani in Iraq per 
proteggere la diga di MOsul. "I nostri 500 militari - sottolinea - andranno a proteggere il lavoro dell'impresa italiana che compirà il lavori sulla diga".

"In Iraq contro l'Isis - ricorda il ministro - noi ci siamo, non spariamo direttamente ma siamo presenti sia a Bagdad, con carabinieri e truppe speciali, e ad Erbil. In Kuwait c'è la nostra Aeronautica che partecipa ad una missione di ricognizione con 4 tornado". 

"Quella di Mosul - conclude - è una missione nuova e importante, in una zona molto calda perché la città è considerata la capitale del califfato in Iraq, città centrale anche per i collegamenti con la Siria". (fonte: Ansa)

Più informazioni su

Più informazioni su