Seguici su

Cerca nel sito

Convenzione Enel, Grasso: “Un accordo tardivo, dopo il fallimento del piano di Fiumaretta”

La Svolta: "Il Sindaco venga in Consiglio comunale a discutere la nuova convenzione con Enel che ha salvato il bilancio"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il Sindaco Cozzolino ha firmato il nuovo accordo con Enel venerdi’ 11 dicembre. Vergognoso che lunedi’ 14 all’aula Pucci non abbia informato il Consiglio Comunale (nemmeno i suoi consiglieri, a meno che non recitassero tutti) che rimane l’organo deputato dalla legge ad approvare accordi e convenzioni come quello con Enel, modifiche o interpretazioni comprese. Tale nuova convenzione e’ senza dubbio alcuno da discutersi ed approvarsi in Consiglio Comunale, così come previsto dalla normativa vigente, per poter poi essere validamente sottoscritta dal Sindaco del Comune di Civitavecchia e dal legale rappresentante di Enel. Come del resto l’azienda elettrica fa in tutti i comuni italiani in cui stipula convenzioni, che prima passano in consiglio comunale e poi vengono sottoscritte” – lo dichiara Massimiliano Grasso, capogruppo La Svolta.

“Inoltre – continua il comunicato -, spieghi ai cittadini che qui non si tratta di imposte non pagate e dovute da Enel, ma di un accordo economico, tardivo che non ha evitato gli aumenti di tasse ai cittadini e che ha tradito tutti gli impegni e i proclami pre e post elettorali di Cozzolino & c.
Fin dallo scorso anno La Svolta aveva invocato la necessità di concludere un nuovo accordo con Enel. Le risposte della maggioranza le ricordano tutti. Ora il Sindaco è stato costretto, in posizione di debolezza, a correre dall’Enel a causa del proprio fallimento con il piano di Fiumaretta. Questo è un fatto”.

“Ultima annotazione – conclude Grasso -: ci spieghi l’assessore Tuoro in che capitolo di entrata vuole inserire i fondi Enel. Di sicuro non certo tra le entrate tributarie, come ha provato a dire qualche giorno fa in Commissione Bilancio. E già che c’è provi a spiegare anche che differenza c’è tra l’utilizzo di questi fondi e quelli inseriti in precedenza nella spesa corrente come acconto su convenzioni da definire e oggetto dei rilievi della Corte dei Conti. Tutte spiegazioni che mi auguro ci saranno date in Consiglio Comunale il prossimo 28 dicembre”.

Più informazioni su