Seguici su

Cerca nel sito

Cocuzza: “Basta personalismi, pensiamo all’unità del partito”

Il presidente del Club Forza Silvio: "Ben vengano riunioni come quelle di ieri che devono rappresentare momenti di confronto democratico"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Sono sorpreso e contrariato dalle dichiarazioni rilasciate da l’ex Consigliere di F.I. Sig. Claudio Dell’Uomo e dal Sig. Massimiliano Rognoni dopo l’incontro Consultivo, avvenuto ieri a Nettuno tra i vertici di Forza Italia, nella persona del Segretario Provinciale di Forza Italia l’On. Adriano Palozzi e il Sig. Fabio Armeni Sovr. F.I., in rappresentanza del Sen. Claudio Fazzone Coordinatore Regionale F.I., e  varie componenti locali di F.I. (ex Consiglieri, Club F.I., Coor.re Giovani F.I. e tesserati di F.I.). Dette dichiarazioni sembrano fondate su un puro personalismo politico, che certamente non fanno bene al nostro partito, che sta tentando di intraprendere un percorso di unità e rinnovamento, teso a definire un candidato forte e condiviso in chiave elettorale” – così il presidente del Club Forza Silvio “Città di Nettuno” Massimo Cocuzza, e il Direttivo tutto.

“Ben vengano, dunque – prosegue la nota – riunioni come quelle di ieri, al cospetto delle componenti Provinciali, Regionali e Nazionali di F.I., che devono rappresentare veri momenti di confronto democratico e non certo occasione sterile per capricci personali. In questa delicata fase politica Forza Italia deve pensare a lavorare per la opportuna coesione interna. Attività da tempo proposta e messe in atto dal Club, attraverso gli incontri e gli eventi creando nuovo interesse e adesioni al nostro Partito sul territorio comunale di Nettuno. Non possiamo permettere a nessuno di svendere il nostro partito, come l’improponibile proposta avanzata dal il sig. Claudio Dell’Uomo, di sostenere il progetto elettorale di un esponente ex Pd  il Sig. Nicola Burrini”.

“Il Sig. Dell’Uomo deve parlare chiaro e dire da che parte sta. Passando poi al Sig. Massimiliano Rognoni, che invece di preoccuparsi degli umori dei segretari di Fratelli d’Italia o di Noi con Salvini, facendo riunioni fiume, lo esortiamo e sollecitiamo con fermezza, a porre la necessaria attenzione sulle sorti del suo partito e a lavorare per la unità di Forza Italia. Voglio ricordare, infine, che Forza Italia non è ostaggio di nessuno e nessuno si deve sentire ostaggio del nostro partito. Partito che deve ritrovare unità e coesione in vista delle imminenti elezioni comunali 2016: “Solo con un candidato condiviso e un progetto univoco potremmo tornare a governare una città importante, come Nettuno” –  conclude Cocuzza.

Più informazioni su