Seguici su

Cerca nel sito

Buona trasferta per l’Omia Volley Cisterna

La squadra torna dalla trasferta piemontese in casa del Lilliput con un punto e con molte certezze in più

Più informazioni su

Il Faro on line – La squadra del presidente Alessandro Droghei ha costretto le padrone di casa del Settimo Torinese a giocarsi il tie-break: il match, valido per l’undicesima giornata del campionato di pallavolo femminile di serie A2, è durato due ore ed è stato combattuto proprio come ci si aspettava alla vigilia. La nota positiva è che la squadra di Cisterna è andata a punti per la seconda partita consecutiva e ora si trova a una sola lunghezza dal Beng Rovigo e a quattro punti dal Palmi alla vigilia del debutto assoluto a Cisterna dove la squadra giocherà martedì 22 dicembre l’ultima sfida dell’anno solare con l’Olbia (alle 20.30).

“Stiamo migliorando e questo mi pare assolutamente evidente, i progressi delle settimane precedenti adesso si stanno trasformando in punti e questo è assolutamente positivo – spiega William Droghei, coach dell’Omia – con il Lilliput abbiamo commesso ancora errori d’inesperienza concedendo all’avversario di rientrare grazie ai nostri errori gratuiti: ad esempio abbiamo buttato al vento il primo set dopo aver sempre condotto la gara e forse con un pizzico di attenzione in più staremo parlando di una partita diversa. Senza fare polemica vorrei sottolineare anche qualche decisione quantomeno discutibile degli arbitri: queste si sommano ai nostri regalini all’avversario e di certo non ci aiutano in questa fase della stagione. Dobbiamo crescere e migliorare, mi aspetto un salto di qualità che possa farci definitivamente scrollare di dosso le ansie che abbiamo con l’obiettivo di avere una maggiore continuità”.

Poi il coach sposta l’attenzione sui problemi di formazione. “Purtroppo dobbiamo convivere con una rosa molto ristretta – aggiunge Droghei che aspetta la riapertura del mercato per puntellare la sua squadra – la mancanza di alternative non mi permette di dare respiro alle giocatrici e questo ci penalizza non poco: magari con qualche soluzione in più avrei potuto ottenere risultati migliori, ma questo non è il momento di recriminare anzi dobbiamo concentrarci per la partita di martedì che per noi è fondamentale”. A Settimo Torinese, con il Lilliput, la partita è combattuta ma nel primo set è l’Omia che dà battaglia guidando le operazioni per tre quarti di parziale: la formazione di Cisterna è in vantaggio in entrambe le soste tecniche (6-8 e 13-16) così il set si decide nel finale e dopo quasi mezz’ora la spuntano le padrone di casa (26-24).

La seconda parte di gara si apre così come s’era chiusa la precedente e la formazione piemontese è avanti (8-3 e 9-4) ma Kenny Moreno (34 punti e una marea di grinta) e compagne non si staccano anzi si avvicinano (16-15) e sorpassano (19-21) le padrone di casa chiudendo il secondo set 22-25. Sulla situazione di 1-1 il Lilliput vince il terzo parziale (25-19) mantenendo un costante margine di vantaggio, ma è il quarto set che diventa decisivo per le sorti della partita ed è proprio l’Omia a portarlo a casa. Kenny Moreno, Barboni, Talamazzi, ma anche De Arcangelis e Bertaiola sono ben innescate da Muri e questo permette alla squadra di Droghei di stravincere il quarto spicchio di gara con un autorevole 19-25 portando la partita al quinto set.

Come la scorsa settimana in casa del Chieri il tie-break non sorride all’Omia che dopo il grande sforzo per recuperare la partita deve cedere il passo (15-8) alle avversarie. L’appuntamento è già fissato a martedì prossimo, nella palestra del Campus dei Licei Ramadù di Cisterna per la sfida con l’Olbia che vale come l’ultima partita dell’anno solare prima del ritorno in campo il 17 gennaio prossimo (Pesaro – Cisterna).

Più informazioni su