Seguici su

Cerca nel sito

Russo D’Auria: “Il Natale più povero degli ultimi anni. Bisogna svegliarsi”

Il leader di Gil: "Vale la pena più fare qualche riflessione per scuotere le coscienze che fare finta di nulla”

Più informazioni su

Il Faro on line – “Questo Natale non mi sento di fare auguri di circostanza, sorrisi finti, parlare di regali o soldi spesi in cenoni. E’ un Natale diverso, forse il primo vero Natale povero da tanti anni a questa parte, e vale la pena più fare qualche riflessione per scuotere le coscienze che fare finta di nulla”.C’è amarezza nelle parole di Mario Russo D’Auria, leader di Gil (Gruppo indipendente libero per Fiumicino) e delegato del sindaco per i problemi idraulici del territorio.

“Con la disoccupazione che avanza, i soldi sempre più scarsi, le famiglie in difficolta, il patrimonio di una vita che si sta esaurendo, io che vivo ogni giorno in mezzo ai cittadini e che ne condivido i problemi mi sentirei fuori posto a non sottolineare il momento che stiamo vivendo.Siamo in uno Stato che, nei suoi diversi corpi intermedi, chiede, a volte pretende, a volte addirittura “ruba” dalle nostre tasche.

Abbiamo pochi servizi a fronte di una richiesta di denaro spropositata, uno Stato che non ha alcuna voglia di aiutare le famiglie, ma che pensa solo a fare cassa per far quadrare i bilanci in rosso dovuti ad anni di sprechi. Il lavoro non c’è, e se si vuole creare qualcosa ci sono mille lacci burocratici e immediata la richiesta di denaro, anche sui presunti guadagni futuri che magari non arriveranno mai”.

Un Natale di rabbia, dunque… “E’ ora di dire basta a tutto questo, di non subito più passivamente, ma di mettersi insieme per gridare tutta la nostra insoddisfazione. L’augurio per il 2016 è che si trovi la forza e il coraggio di superare i particolarismi e iniziare grandi manifestazioni di dissenso, con le piazze, le azioni legali, le proteste. La misura è colma, e bisogna reagire finché ci sono almeno le forze per farlo”.
Ilaria Perfetti

Più informazioni su