Seguici su

Cerca nel sito

Latina Bene Comune: “Organi sociali di Acqualatina, ulteriori conflitti di interesse”

Il comitato: "La credibilità dell'azienda è stata affondata dalla lottizzazione dei partiti"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Tre vicende societarie, tutte accadute in queste settimane, evidenziano lo stato pietoso nel quale e’ stata condotta la credibilita’ di Acqualatina dalla lottizzazione dei partiti. La prima riguarda le dimissioni di tutti i membri di parte pubblica del Collegio sindacale nominati il 14 dicembre scorso: dimissioni che ora rendono necessaria una nuova assemblea dei soci per le nuove designazioni. La seconda è rappresentata dall’accordo politico ormai raggiunto per il passaggio all’Acea (di proprietà al 51% del Comune di Roma) delle azioni private in mano ai francesi di Veolia: risulta evidente il ruolo dell’attuale Amministratore Delegato di Acqualatina, uomo notoriamente legato al Pd, che è stato ed è sempre “di casa” anche in Acea” – lo dichiara in una nota il comitato Latina Bene Comune.

“A questo passaggio poi – prosegue il comunicato – è legata anche la terza vicenda: la presunta forzatura effettuata lo stesso 14 dicembre dai Sindaci di Forza Italia con la nomina dei tre rappresentanti di parte pubblica nel CdA di Acqualatina. Da una nostra verifica si nota come alcuni Sindaci continuano a “razzolare” in modo ben diverso rispetto a quanto predicano in pubblico. Infatti, in base all’attuale Codice Etico della società, le tre persone elette avevano ben poche caratteristiche per essere designate. Il Codice in questione, adottato giusto tre anni fa ai sensi del D.Lgs 231/2001, in particolare contiene norme che obbligano l’azienda a comportamenti di trasparenza, onestà e correttezza nei confronti dei suoi soci. Tra queste norme c’è quella che impone di evitare accuratamente “qualsiasi situazione di conflitto d’interessi”. Un’indicazione perentoria che però è stata “elasticizzata” nel testo con la frase successiva: ove questo conflitto di interessi sia “inevitabile” (rispetto a cosa non è chiaro), il portatore degli interessi in conflitto deve darne preventiva comunicazione all’Organismo di Vigilanza interna”.

“Un organismo che, per la verità, non è reperibile sul sito della società. In questo quadro di riferimento, già forzato con il riavvio della selezione dei candidati che ha portato alla riconferma dell’avvocato Giuseppe Addessi (anche i sassi sanno perché), è avvenuta la nomina degli altri due componenti di parte pubblica nel CdA. A quanto ci risulta l’Agenzia delle Entrate in passato aveva accertato alcune irregolarità sulle fatturazioni di Acqualatina, poi sanzionate e finite, in ultima analisi, nelle bollette degli utenti. In tal senso Latina Bene Comune si chiede e chiede ai soci pubblici della società, per quale motivo era proprio “inevitabile” la nomina di Rossella Rotondo, cioè dell’ex responsabile dell’Ufficio del Registro di Formia e di incarichi analoghi a Cassino e a Latina, nonché attuale Direttore dell’Agenzia delle Entrate della Sardegna”.

“Questo ruolo non ha competenze dirette su Acqualatina, ma resta il fatto che il controllore finale, l’amministrazione finanziaria dello Stato, è lo stesso. Sempre in base al Codice Etico della società, la richiesta inoltre va estesa anche al suo coniuge Raffaele Ranucci, ex Assessore alle Attività Produttive del Comune di Formia in quota Forza Italia. Dalle cronache dei giornali risulta tra gli indagati lo scorso mese di marzo nell’ambito dell’inchiesta sui presunti fallimenti pilotati dall’ex giudice fallimentare del Tribunale di Latina Antonio Lollo. Le medesime cronache poi riferiscono che la società finanziaria di cui è amministratore lo stesso Ranucci, la Finworld SpA, già pesantemente sanzionata più volte dalla Banca d’Italia per irregolarità amministrative, ha stipulato in passato alcune fidejussioni proprio con Acqualatina”.

“Davvero era “inevitabile” anche questo? Inoltre, analoghi motivi etico-morali prima ancora che normativi, impongono altre spiegazioni sulla nomina nel CdA del sig. Michele Lauriola. Oggi collaboratore della Prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, è stato Direttore Generale dell’Abecol, l’Agenzia Regionale per i Beni confiscati alla Criminalità Organizzata nel Lazio, abolita lo scorso anno dalla Giunta Zingaretti. La causa dell’abolizione è stata una pesante valutazione da parte della Corte dei Conti: malgrado lo stipendio del Direttore di 108mila euro l’anno, l’Agenzia era pressoché inattiva fin dalla sua costituzione nel 2009 ed era ormai resa inutile da nuove norme nazionali”.

“La sua nomina all’Abecol come persona esterna all’amministrazione regionale, era stata reiterata dalla Giunta Polverini dopo una bocciatura del provvedimento da parte del Tar del Lazio per irregolarità nella selezione. Questo dunque è il risultato di tante prediche: la grande rivoluzione annunciata, relativa alla trasparenza e alla competenza dei nuovi amministratori di Acqualatina, si è trasformata nell’esatto contrario di quello che chiedono da sempre i cittadini. E tutto questo non è più tollerabile” – conclude il comitato Lbc.

Più informazioni su