Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza freddo, Coletta: “Basta misure provvisorie”

Il candidato sindaco di Latina Bene Comune: "Bisogna costituire un tavolo permanente di lavoro con le associazioni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “A Latina nessuno deve piu’ morire per strada, occorre chiudere l’era delle misure provvisorie. E’ necessaria una riflessione ampia sulla carenza di strutture di pronta accoglienza sul nostro territorio, sui luoghi in cui chi non trova piu’ il filo della sua storia possa essere aiutato a formulare nuove strade e a ripartire. Inoltre, non ci possiamo illudere che immigrazione e convivenza civile tra etnie e religioni differenti siano fenomeni su cui la nostra comunità non sia chiamata a portare avanti delle scelte culturali e politiche. Una città di ghetti è più infelice, più insicura, produce tensioni dannose al suo sviluppo” – così il presidente di Latina Bene Comune, Damiano Coletta, a proposito dell’emergenza freddo che anche quest’anno trova la città impreparata.

Per il candidato sindaco di Lbc la presenza costante sul territorio di persone in condizione di estrema povertà richiede da parte del Comune la programmazione di azioni congiunte e integrate con i vari attori coinvolti nel volontariato e nell’associazionismo impegnato nel sociale. “Dato il gran numero di persone coinvolte ogni inverno – sottolinea Coletta – il problema non può più considerarsi un’emergenza, pertanto non può più essere gestito come tale. Ogni anno il Comune di Latina si lascia “sorprendere” dal freddo dell’inverno in arrivo lasciando decine di persone in strada senza un’assistenza minima, senza un giaciglio per la notte, una coperta, un tè caldo, cibo e vestiario. D’altra parte il Centro di Accoglienza notturna del Comune, in via Aspromonte, con soli 20 posti letto, non è una struttura adeguata ad accogliere le emergenze invernali”.

Per questo Coletta e il comitato di Lbc chiedono al Commissario Barbato di convocare ad un tavolo operativo permanente le organizzazioni e le associazioni che ritiene opportuno coinvolgere per la programmazione dei servizi e il coordinamento di tutte le figure preposte a interventi socio-assistenziali di persone spesso malate, alcolisti, tossicodipendenti, in condizioni di disagio economico o psicologico. Coletta invita inoltre gli operatori, nei casi in cui sia possibile, a segnalare l’opportunità di richiedere la residenza fittizia presso l’anagrafe.

“Si tratta di una via non esistente sul territorio – spiega il candidato sindaco – che costituisce una residenza anagrafica a tutti gli effetti e permette il rilascio della carta di identità o il rinnovo della patente. Chi non ha una residenza nel nostro Paese non può esercitare diritti politici, sociali, economici, non può lavorare, non può percepire prestazioni previdenziali e sanitarie”.

Più informazioni su