Seguici su

Cerca nel sito

De Meo: “E’ stato un anno pieno di soddisfazioni”

Il Sindaco: "Un augurio particolare a tutti coloro che devono affrontare situazioni di disagio e agli anziani"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo formula a tutti i concittadini un caloroso augurio per il 2016: “L’anno che sta per concludersi e’ stato ricco di soddisfazioni, tra cui il rinnovo del mandato amministrativo che ci e’ stato da voi affidato, e denso di impegni, per i numerosi problemi che l’Amministrazione ha costantemente affrontato con senso di responsabilità, ancor più gravosi soprattutto per il difficile periodo di crisi economica e di restrizione che stanno vivendo gli Enti locali. Anche per il futuro i vostri giudizi e suggerimenti saranno sempre considerati utili per migliorare l’attività amministrativa”.

“Desidero rivolgere – prosegue il primo cittadino – un doveroso ringraziamento ai ragazzi delle scuole, che hanno riempito i nostri cuori con le manifestazioni del Centenario della Grande Guerra e con le iniziative natalizie, e ai docenti e ai dirigenti che contribuiscono giorno dopo giorno alla crescita sociale e culturale delle giovani generazioni. Così come voglio complimentarmi con le Associazioni tutte, che con passione ed entusiasmo animano la nostra città durante tutto l’anno e stanno contribuendo a rendere attraente il Natale Fondano anche per visitatori e turisti. Agli amministratori, ai dipendenti comunali, alle forze politiche e sociali, alle parrocchie, ad imprenditori e commercianti, ai cittadini tutti, un grazie per la dimostrazione quotidiana di civiltà, senso di appartenenza, abnegazione e coesione che caratterizza la Città di Fondi”.

“Voglio rivolgere un augurio particolare a tutti coloro che devono affrontare situazioni di disagio e agli anziani, custodi delle nostre radici e di una memoria storica che è insegnamento di vita. Giungano a tutti a nome dell’Amministrazione comunale e mio personale i più sentiti auguri per il nuovo anno, all’insegna della serenità, dell’affetto reciproco e di nuove opportunità” – conclude De Meo.

Più informazioni su