Seguici su

Cerca nel sito

Salviamo il Parco della Madonnetta: “Sia fatta finalmente giustizia”

Il Comitato: "Abbiamo raccolto 12.000 firme in 20 giorni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il video gioco di distruzione del Parco della Madonnetta è arrivato all’ultimo livello. Pochi giorni fa, la richiesta da parte del Comune alla società che gestisce il ristorante “gli amici di Aldo” di una cifra astronomica di affitto mensile da corrispondere direttamente al Comune. Un concessionario di lavori pubblici viene trattato dal Comune, per non aver pagato due rate di mutuo, come fosse un affittuario moroso. Dal 2008 ad oggi, in un susseguirsi di lettere, documenti, esposti, denunce, interviste, riflessioni, dibattiti, non è cambiato nulla! Per tutta la Storia del Parco della Madonnetta, ci sono i siti dedicati al Parco, dove potrete trovare tutti i documenti che vi interessano: http://salviamoilparcodellamadonnetta.blogspot.it/” – è quanto dichiara in una nota il Comitato Salviamo il Parco della Madonnetta.

“Nei mesi scorsi – spiega la nota – abbiamo assistito all’assalto delle associazioni sportive, che tagliavano le catene che chiudevano il Centro Sportivo per mancanza di elettricità (a causa di bollette non corrisposte al concessionario Ciabocco dalle stesse associazioni!), entravano, occupavano, cambiavano le serrature, invadevano spazi non di loro pertinenza, escludevano altre associazioni, distruggevano e manomettevano impianti.

Questa violenza, suggerita dall’irresponsabilità dell’Amministrazione, è stata cavalcata da una Asds che dalle visure si è scoperto poi che al 50% è di un detenuto al 41bis. Sono state fatte denunce, esposti e lettere di protesta. E’ del 17 dicembre 2015 un articolo su “la Repubblica” di Corrado Zunino, che spiega la situazione. E’ stata informata la Magistratura, le Forze dell’Ordine, i Vigili, il Comune, il commissario di Roma dott. Tronca, il prefetto di Ostia dott. Vulpiani, il prefetto dott. Gabrielli, in quasi tre mesi dall’invasione Non è accaduto nulla!!!”

“Nella storia del Parco, oltre alla rinomata virtuosità del Pvq Parco della Madonnetta, oltre alle migliaia di manifestazioni sportive, sociali, culturali, didattiche, ai tornei per disabili, alle manifestazioni di solidarietà, è stata organizzata “Scateniamo il Paradiso” di sensibilizzazione per il Parco e sono state raccolte 12.000 firme per sostenere la Proposta di Delibera di Iniziativa Popolare, che proponeva una soluzione di vantaggio reciproco tra Comune e concessionario, Anche qui Nulla.

Il Comune, oggi, nella figura di un semplice dirigente comunale, sta uccidendo il Parco e non si riesce a fermare. Una guerra personale tra il dirigente Serra e il concessionario Ciabocco. Un duello dove il Comune è armato e Ciabocco è disarmato.
Facciamo bene i conti però: Ciabocco ha inventato il Parco, lo ha costruito, ci ha messo 4milioni degli 11milioni di investimento e lo ha Gestito in modo esemplare per 12 anni, ha donato benessere alla cittadinanza ed ha realizzato il quarto Parco di Roma!!! La bellezza del Parco della Madonnetta è il curriculum di Ciabocco. Adesso, arrivati all’ultimo livello del Doom, chiediamo che sia ristabilita giustizia”.

“Ricordiamo – prosegue il comunicato – che sono state raccolte 12.000 firme in neanche 20 giorni!
Chiediamo che: la famiglia Ciabocco esca fuori dal gioco al massacro per uccidere il Parco ed il suo creatore/concessionario, che si facciano i conti dare/avere seguendo le procedure previste come concessione di lavori pubblici (come indicato dalla sentenza di ricorso al Tar del 2014). La politica sana, che ci ha accompagnato negli ultimi mesi e i cittadini vogliono essere garanti ed osservatori di correttezza e giustizia.
Pagato Ciabocco e garantita la sua incolumità, si ascolti il Comitato “Salviamo il Parco della Madonnetta” per assicurare un futuro prospero al Parco ed ai cittadini.
Chiediamo infine che il parco sia tutelato e vincolato, secondo le leggi regionali previste, per non indurre in tentazione gli speculatori. Chiediamo che sia ristabilita la legalità nel Parco e faremo da osservatori, affinchè finisca questo massacro di bellezza e di onestà!”.

“Il Parco è bellissimo e l’ottusa burocrazia lo sta distruggendo. Vogliamo salvare gli sforzi economici e la visione di una famiglia che con generosità ha realizzato e gestito un Bene Pubblico: la bellezza del Parco parla per Ciabocco! Chiediamo un incontro con Raffaele Cantone e che sia chiusa la questione economica della famiglia Ciabocco!!! Fate i conti, fateli giusti, ma fateli presto e bene! Chiediamo a Raffaele Cantone e agli uomini di buon senso, che sia fatta finalmente giustizia e si fermi il gioco al massacro contro il Parco della Madonnetta e la famiglia Ciabocco” – conclude il Comitato.

Più informazioni su