Seguici su

Cerca nel sito

L’Europa e le relazioni industriali internazionali approdano al corso confederale della Cisl

Roberto Cecere (Cisl): "I lavoratori non possono essere considerati solo dei prestatori d'opera, ma i protagonisti nelle aziende"

Più informazioni su

Il Faro on line – Si parlerà di Europa, di cooperazione, di relazioni industriali internazionali nella giornata di sabato 16 gennaio durante il Corso Confederale della Cisl di Latina, che vedrà come relatore Giuseppe Iuliano, Responsabile per la politica internazionale del sindacato di Via Po e membro italiano del Comitato Economico e Sociale Europeo del quale è vicepresidente della sezione Relazioni Esterne. Iuliano, avvocato e giornalista, laureato in diritto internazionale, parla quattro lingue, dirige il settore internazionale della Cisl per conto della quale cura i rapporti con la Confederazione Europea dei Sindacati (Ces) e con la Confederazione Internazionale dei Sindacati (Ituc), occupandosi di cooperazione, sviluppo e relazioni industriali.

Una figura di spicco nel mondo sindacale chiamata come docente all’interno del corso “Sindacalista, da gestore del conflitto a promotore dello sviluppo” organizzato dalla Cisl di Latina, iniziato nel maggio 2015 e che terminerà a fine febbraio, al quale hanno preso parte 30 sindacalisti appartenenti a 11 federazioni, con alta partecipazione di donne, e che si inquadra  nell’idea, messa in piedi dalla Cisl pontina, che intende rilanciare, insieme all’immagine del sindacato, anche una proposta formativa importante rivolta ai suoi quadri più giovani.

Il Corso, che si è articolato in tre lezioni ogni mese, è stato guidato da ricercatrici del Cnr, con l’apporto di studiosi ed esperti del mondo sindacale che di volta in volta hanno affrontato i vari temi oggetto delle lezioni: uno sguardo alla storia della Cisl, al suo presente ed al futuro, con le aspettative di sviluppo, la descrizione della struttura e degli organi sindacali, il ruolo dirigenziale e gli ambiti di lavoro, le competenze relazionali del sindacalista che emergono sia nella leadership degli associati che nella negoziazione con l’impresa, l’Europa e le conseguenti dinamiche di sviluppo locale, la responsabilità dell’impresa e i vantaggi per tutti gli attori, il bilancio dell’apprendimento e lo sviluppo professionale.

Commenta Roberto Cecere, Correggente della Cisl di Latina, con delega alla formazione: “Abbiamo invitato Giuseppe Iuliano al nostro Corso, ben consapevoli della caratura del personaggio che da anni rappresenta la Cisl in ambito internazionale e che ha certamente una visione ampia ed aggiornata di quello che significa “far sindacato” in altri paesi.
I nostri ragazzi, dopo aver affrontato una serie di tematiche generali, potranno confrontarsi anche con quanto accade fuori dai nostri confini, specie dove trova sviluppo quel modello partecipativo alla vita delle imprese del quale la Cisl è, da sempre, una tenace sostenitrice, insieme al valore del dialogo sociale che è elemento fondamentale nelle economie delle democrazie moderne, perché il solo in grado di garantire uno sviluppo onesto ed una giusta redistribuzione della ricchezza prodotta. 
E’arrivato il momento di aprire all’Europa e a quanto di positivo esiste in campo della partecipazione attiva dei lavoratori, che non possono continuare ad essere considerati solo dei prestatori d’opera in cambio di salario, ma attori protagonisti nella loro azienda, perché solo una corretta e moderna gestione delle relazioni sindacali è in grado di verificare il buon andamento delle imprese ed intercettare per tempo le crisi aziendali che stanno arrivando”.

Più informazioni su