Seguici su

Cerca nel sito

Pallavolo: l’Omia Volley Cisterna torna da Pesaro con una sconfitta

Coach Droghei: "Il rischio che si corre è quello di abituarsi alla sconfitta, un atteggiamento che in pratica ti porta a non competere più"

Più informazioni su

Il Faro on line – L’Omia Volley Cisterna torna sconfitta dalla sfida di Pesaro contro il Mycicero chiudendo il girone d’andata del campionato di pallavolo femminile di serie A2 con un 3-0. Alla luce di questo risultato la squadra del presidente Alessandro Droghei resta ferma a quota sei punti, staccata di quattro lunghezze dal Beng Rovigo e a meno sei punti da Lilliput Settimo Torinese.

“A Pesaro abbiamo giocato i primi due set con molti alti e bassi, poi nel terzo abbiamo mollato, inutile dire che sono amareggiato per il fatto che non mettiamo la cattiveria necessaria – chiarisce William Droghei, coach dell’Omia Volley Cisterna – il rischio che si corre è quello di abituarsi alla sconfitta, un atteggiamento che in pratica ti porta a non competere più con la giusta determinazione quando il match si complica: dobbiamo continuare a lavorare ma non nascondo la mia delusione per questa situazione e allo stesso tempo non mi tiro indietro rispetto alle mie responsabilità. Abbiamo sicuramente bisogno di scrollarci di dosso questa negatività con un risultato positivo che potrebbe essere per noi un toccasana”.

La squadra tornava in campo dopo la lunga sosta natalizia che ha permesso alle giocatrici di svolgere il programma di allenamento e ha visto anche l’inserimento di due nuove giocatrici. Poi il tecnico torna a parlare del campionato. “In questo momento il calendario non ci aiuta di certo anche perché domenica ospitiamo il Soverato, una delle squadre più forti di questa serie A2, anche se a prescindere dall’avversario per noi ogni occasione deve essere buona per realizzare punti: per questo ce la dobbiamo mettere tutta sempre e comunque, a prescindere dall’avversario che abbiamo dall’altra parte della rete”.

A Pesaro in avvio di partita coach Droghei ha schierato Muri in palleggio opposta in diagonale a Kenny Moreno Pino, di banda Barboni e Maruotti, al centro Bertaiola e Centi con Zampedri libero, poi nel corso della partita c’è stato spazio anche per Noschese e Talamazzi. La squadra di casa ha iniziato subito forte vincendo il primo set 25-20, dopo un avvio ad alta intensità (8-3 e 16-9) ha chiuso il discorso in 25 minuti, mentre nel secondo (vinto sempre da Pesaro, stavolta 25-19) l’Omia ha combattuto maggiormente passando avanti alla prima sosta tecnica (7-8) e restando in scia fino alla seconda (16-13), prima dell’accelerazione finale che ha visto Pesaro portarsi sul 2-0. Il terzo (e decisivo) set però è stato tutto delle padrone di casa (16-6) che lo hanno chiuso in 20 minuti con un netto 25-10. L’Omia tornerà a giocare a Cisterna domenica prossima, 24 gennaio alle 18, quando nella palestra del Campus dei Licei Ramadù arriverà il Soverato.

Più informazioni su