Seguici su

Cerca nel sito

Ardea II, la scuola si apre al territorio

Tutti gli studenti hanno potuto mostrare ai propri genitori, sotto forma di gioco, quali competenze abbiano acquisito nel corso della vita scolastica

Più informazioni su

Il Faro on line – Sabato 23 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 12.30 l’Istituto Comprensivo Ardea II ha organizzato una giornata dove la scuola ha incontrato il territorio. Un’iniziativa ben riuscita che ha visto coinvolte molte famiglie e tantissimi alunni. Tanto entusiasmo per una manifestazione che ha dato lustro al plesso scolastico e al territorio dopo alcuni spiacevoli eventi di delinquenza subiti che hanno senza ombra di dubbio penalizzato l’immagine dell’istituto. Ma nonostante le difficoltà, grazie alla professionalità del corpo docenti e all’impegno dei giovani la scuola ha reagito nel migliore dei modi, e con estremo impegno e dedizione, tra gli applausi dei presenti, ha presentato il Piano Triennale dell’Offerta Formativa.

I genitori sono stati accolti dai collaboratori scolastici, dai referenti dei plessi coinvolti (secondaria via Campo di Carne, primaria via Tanaro e i plessi dell’infanzia Campo di Carne I e II). Presso il plesso sito in via Tanaro è avvenuto l’incontro con i docenti della Scuola Primaria, presso i plessi di Campo di Carne 1, Campo di Carne 2 e via Ticino quello con i docenti della Scuola dell’Infanzia, mentre in via Campo di Carne 2 è avvenuto l’incontro con i docenti della Scuola Secondaria di Primo Grado. La manifestazione è stata un’occasione per presentare concretamente la scuola ai genitori, mostrare le attività didattiche svolte e quelle che si intendono svolgere durante il percorso scolastico e i laboratori, che permettono ai bambini e ai ragazzi  di far crescere il proprio potenziale nonché la creatività. Un vero e proprio momento di festa per gli alunni.

Tutti gli studenti hanno potuto mostrare ai propri genitori, sotto forma di gioco, quali competenze abbiano acquisito nel corso della vita scolastica, la ricchezza delle attività che svolgono nella quotidianità al di fuori della famiglia, attività che per un giorno è stato eccezionalmente possibile svolgere insieme.

“Grazie all’impegno del dirigente scolastico Dott.ssa Laura Lamanna, di tutti i docenti, dei ragazzi e delle famiglie, siamo riusciti a fare un’apertura al territorio della scuola anche se questa recentemente è stata ferita da alcuni malviventi. Noi non ci arrendiamo, continuiamo a vivere e lavorare nella scuola grazie all’entusiasmo che i ragazzi di questo territorio ci donano giorno dopo giorno. L’Open Day è espressione di questo incredibile successo” dichiara Giampiero Cerri, collaboratore del dirigente scolastico.

“Ogni classe ha organizzato dei laboratori a cui hanno partecipato i genitori e gli alunni. Ci sono stati il laboratorio di matematica, di lettura animata, di inglese, di pittura; oggi i bambini hanno dipinto le loro maschere per la partecipazione di alcune classi al carnevale ardeatino. Abbiamo presentato i progetti l’Ora del Codice (modalità base di avviamento al pensiero computazionale) e il Trinity (certificazione europea per la lingua inglese) per le classi IV e V. C’è stata una grossa affluenza soprattutto dei genitori che stanno inserendo i bambini provenienti dall’infanzia, ai quali abbiamo presentato il nostro Ptof ” dichiara Marina Nassuato, collaboratore vicario del dirigente scolastico.

“Il coinvolgimento dei genitori  nelle attività ha permesso anche a loro di capire come i bambini sono motivati a svolgerle; condividere le fasi e le modalità di apprendimento con i figli è un’esperienza di crescita” afferma la docente Pagliaro.

“Tra i tanti progetti del plesso scolastico, c’è un progetto nato con l’intenzione di sfruttare la parte creativa degli studenti attraverso l’uso del riciclaggio dei materiali. Durante l’anno scolastico i ragazzi hanno dato voce a tutti i materiali non più utilizzati e con molta fantasia hanno realizzato un plastico che riproduce una loro città ideale”  afferma l’insegnante di sostegno Alfonso Corvino

“E’ stata una giornata fantastica, siamo orgogliosi del nostro lavoro. Vedere tanto interesse nei nostri confronti dal territorio è qualcosa di meraviglioso. Grazie a tutti” affermano Noemi e Emanuele, due studenti dell’Istituto comprensivo Ardea II.
Massimiliano Gobbi

Più informazioni su