Seguici su

Cerca nel sito

Consulte Comunali: “Quali strade verso la democrazia partecipativa”

Sanna: "E' ancora possibile riscoprire le istituzioni in un dialogo alla pari e aumentare il senso di responsabilità verso i beni comuni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Come definire oggi la democrazia partecipativa: una sfida ad una visione sempre più individualista dello stato, un’eroica esperienza ormai superata o un’occasione ancora da scoprire nelle sue potenzialità? Se ne è parlato e discusso, a Maccarese, il 6 febbraio, in occasione del seminario ‘Quali strade verso la democrazia partecipativa – Fiumicino, un percorso in costruzione’, promosso dalle Consulte Comunali. 
L’incontro ha visto i contributi di Andrea Ricci, Clelia Izzi e del Prof Carlo Cellamare (Università La Sapienza -Roma). Definite le basi teoriche dei processi partecipativi, è stato possibile esaminare numerosi casi di progettazione comune a Roma e nel Lazio confrontandole, anche attraverso le parole di Marco Sanna (Delegato del Sindaco) con l’esperienza delle Consulte Comunali di Fiumicino, dalla loro elaborazione all’attuale stato dell’arte” – lo dichiara in una nota Alessandra Benadusi per le Consulte Comunali di Fiumicuino.

“Gli interventi assembleari – prosegue la nota – che si sono intrecciati con i contributi dei relatori sono stati numerosi. Il dibattito sincero e a tratti appassionato, ha messo in risalto che se è vero che negli ultimi anni, nel nostro paese, si sta ritornando al prevalere nella partecipazione di esperienze puramente consultive piuttosto che deliberative, tuttavia le Consulte possono ancora svolgere un ruolo fondamentale nella ‘Fabbrica della Cittadinanza’, aiutare a riscoprire le istituzioni in un dialogo alla pari e aumentare il senso di responsabilità verso i beni comuni, a patto che esse riescano a superare una serie di ostacoli, anche organizzativi, e trovare una propria strada per svolgere un ruolo incisivo, sinceramente autonomo da ogni forma di condizionamento”.

“Per questa ricca occasione di approfondimento, ringraziamo i coordinamenti delle Consulte 1 (Ambiente), 5 (Cultura e Sapere) e 6 (Mobilità e Qualità Urbana) che hanno coordinato tutti gli aspetti organizzativi, i relatori volontari ma preparatissimi, Marco Sanna, il Presidente Maurizio Ferreri che si è coinvolto nel dibattito con sincerità e chiarezza, tutti gli iscritti alle Consulte e i cittadini che hanno dedicato un sabato pomeriggio al confronto e all’incontro autentico di idee e opinioni” – conclude la nota.

Più informazioni su