Seguici su

Cerca nel sito

Angeli degli animali: un servizio di emergenza disponibile 24 ore su 24

L'assessore Poggi: "Da gennaio già soccorsi 46 cani e 12 gatti"

Più informazioni su

Il Faro on line – La struttura è stata attivata poco prima di Natale, quasi fosse un regalo per i tanti animali che sul vastissimo territorio di Fiumicino hanno bisogno di aiuto, ma che avesse un tale successo di consensi e, purtroppo, di intervento non era immaginabile. E invece l’istituzione del Garante unico per gli animali, fortemente voluto dall’assessore Daniela Poggi, è stato un successo. Tanto per dare qualche cifra, parliamo di 46 cani recuperati e almeno una dozzina di gatti in poco più di un mese di operatività.

Ma come funziona il servizio? Esistono due numeri, uno fisso e un cellulare, ai quali rivolgersi notte e giorno. 06/6521700 oppure 389/5666310. Risponde la sala operativa dell’associazione Nuovo Domani, vincitrice del bando di gara per questo servizio. La curiosità è che alla gara non ha partecipato nessuno, tranne i volontari della Protezione civile, forse perché quello agli animali è davvero un servizio “in perdita”, dove si lavora tantissimo e l’unico grazie arriva dagli occhi riconoscenti di questi animali. Che però non sempre sono facili da trattare.
“Troviamo casi di animali molto malati – spiega Alfredo Diorio – o molto aggressivi, che bisogna saperli trattare per non farsi male e non fare del male a loro. Poi bisogna anche avere i mezzi giusti per trasportarli e infine avere un posto dove sistemarli in attesa degli sviluppi di legge”. La squadra veterinaria, con ambulanza attrezzata, parte nel momento in cui arriva la segnalazione; in contemporanea viene mandato un fax al settore veterinario della Asl che a sua volta allerta la Pet in Time, società in convenzione autorizzata a trasportare l’animale trovato, o all’ospedale veterinario oppure al canile.

“Quando l’animale ha il microchip – prosegue Diorio – viene contattato il padrone per la riconsegna, altrimenti abbiamo una pagina facebook nella quale postiamo le foto. Molti cani sono smarriti, e dunque in questo modo è più facile rintracciare i padroni, che però ottengono la riconsegna solo previa microcippatura del cane e controllo delle vaccinazioni”. Ma se il più delle volte si tratta di animali fuggiti dalla custodia dei loro padroni, a volte i volontari devono fare i conti con la terribile crudeltà umana: “Proprio pochi giorni fa – racconta ancora Diorio – in via delle Ostriche abbiamo recuperato un gatto con lesioni alla colonna vertebrale posteriore conseguenti a bastonate, oppure tempo fa abbiamo trovato un cane massacrato legato con una corda a un albero. In quei momenti ti si stringe il cuore a vedere tanta cattiveria; per questo dobbiamo ringraziare anche l’impegno del presidente della commissione animali, Maurizio Ferreri, e la dottoressa Elena Baroni, direttore sanitario dell’associazione Nuovo Domani, per aver anche loro creduto in questo progetto”.

Prima come funzionava? Si chiamava la polizia locale che doveva mandare una pattuglia e presidiare il posto fino a che qualcuno dalla Muratella o da Valle Grande, allertato dalla Asl, arrivava a soccorrere l’animale. Potevano essere necessarie ore, e a volte si arrivava troppo tardi per salvare l’animale. Oggi il servizio d’intervento è immediato, h24 e 365 giorni all’anno. Lo scorso Natale, tra la vigilia (alle ore 23.30) e il 25 sono stati salvati 4 cani e 3 gatti. Adesso con il nuovo servizio, per i nostri amici a 4 zampe, se si trovano in difficoltà è Natale ogni giorno.
Angelo Perfetti
 

Più informazioni su