Seguici su

Cerca nel sito

Otto persone arrestate dai Carabinieri in questi ultimi giorni

Dopo il week-end passato in camera di sicurezza, i malviventi sono stati rimessi in libertà in attesa dello sviluppo della fase processuale

Più informazioni su

Il Faro on line – Nel corso dei consueti controlli mirati alla prevenzione e repressione ad ogni forma di reato, otto persone sono finite in manette durante quest’ultimo week-end.
Sabato sera, a Fiumicino, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un cittadino peruviano di 58 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di rapina impropria. Poco dopo le 18:00, l’uomo si è introdotto in un supermercato nel centro commerciale “Parco Leonardo” e, pensando di passare inosservato, ha rubato alcuni prodotti cosmetici dai banchi d’esposizione, rompendo i dispositivi antitaccheggio, nascondendoli nelle proprie tasche. Poi si è diretto verso l’uscita senza passare per le casse.

L’illecita condotta non è sfuggita ad un addetto al controllo della merce, che nel vano tentativo di bloccarlo è stato aggredito; tuttavia, l’impiegato è riuscito a contattare i Carabinieri che, giunti sul posto, hanno arrestato il malfattore, restituendo la refurtiva al proprietario.All’esito della convalida dell’arresto l’uomo è stato posto ai domiciliari nelle more della prosecuzione della fase dibattimentale e contro di lui è stato spiccato un foglio di via obbligatorio dal comune di Fiumicino su richiesta della locale Stazione.

Pochi minuti dopo, ad Acilia, i Carabinieri hanno arrestato un cittadino romeno di 40 anni, senza fissa dimora, con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Pochi istanti prima, infatti, un cittadino aveva segnalato al 112 che in piazza San Leonardo da Porto Maurizio, un uomo, palesemente ubriaco, importunava i passanti. Sul posto è intervenuta una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma Acilia: quando i militari si sono avvicinati per procedere al controllo, l’uomo li ha aggrediti con calci e spintoni, ma è stato prontamente bloccato e ammanettato.Dopo la convalida l’uomo è stato sottoposto all’obbligo di firma tutti i giorni, per due volte al giorno, presso la Stazione Carabinieri Roma – Acilia.

Nella stessa serata, i Carabinieri della Stazione di Roma Ponte Galeria hanno arrestato due cittadini di nazionalità romena di 22 e 32 anni, di cui uno pregiudicato, con l’accusa di rissa aggravata. Poco prima delle 23:00 una segnalazione al 112 ha informato i Carabinieri che un gruppo di uomini ubriachi si stavano picchiando in via Portuense. La centrale operativa ha subito inviato sul posto una pattuglia; all’arrivo dei militari, due di essi sono stati bloccati e arrestati mentre altri due sono riusciti a fuggire.All’esito della convalida i due sono stati rimessi in libertà nelle more della definizione del procedimento penale avviato nei loro confronti.

Domenica mattina, invece, a Ostia, i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato un cittadino romeno di 31 anni, con precedenti,con l’accusa di estorsione e lesioni personali aggravate. Il giorno precedente, come già accaduto altre volte in passato, il malvivente ha raggiunto un suo connazionale in un bar in Piazza della Stazione del Lido, e lì, in seguito ad un diverbio, lo haaggredito con calci e pugni, facendosi consegnare la somma di 40 euro con un banale pretesto. In seguito all’aggressione, il malvivente è riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce.

I Carabinieri, giunti sul posto grazie ad una segnalazione al 112, hanno raccolto le prime testimonianze e, ricostruita la vicenda delittuosa, hanno dato inizio alle ricerche del fuggitivo. Per tutta la notte, i militari hanno setacciato la zona e i luoghi solitamente frequentati da suoi connazionali, fino a che, alle prime luci dell’alba, lo hanno rintracciatonei pressi del Piazzale del Mediterraneo, dove vagabondava tra le auto in sosta. L’uomo è stato catturato e condotto nel carcere romano di Regina Coeli. Il malcapitato, invece, ha riportato fratture e contusioni multiple, e se la caverà con 30 giorni di riposo e cure mediche.

In serata, poi, i Carabinieri della Stazione di Fiumicino hanno arrestato una coppia con precedenti, del posto, E.L. e P.V. rispettivamente di 26 e28 anni, per aver tentato di introdursi in una casa popolare in via Porto di Claudio, col chiaro intento di occuparla. L’abitazione, però, era già abitatada un 48enne fiumicinese che in quel momento si trovava a casa del vicino e, quando ha udito il rumore dei vetri in frantumi, è uscito sorprendendo i due proprio nel momento in cui stavano per entrare in casa. Entrambi hanno specificato le loro intenzioni minacciandolo e tentando di intimidirlo, presentandosi quali appartenenti ad una nota famiglia malavitosa del luogo.

Vanamente il malcapitato ha cercato di dissuaderli dal loro intento, spiegando che nell’abitazione, tra l’altro, vive anche sua sorella affetta da handicap. A questo punto, l’uomo ha chiamato il 112, mentre i due malviventi sono fuggiti. Grazie alla precisa descrizione fornita dal 48enne, i Carabinieri sono riusciti poco dopo a rintracciare e arrestare i due malviventi. Dopo il week-end passato in camera di sicurezza i due, convalidato l’arresto, sono stati rimessi in libertà in attesa dello sviluppo della fase processuale.

Più informazioni su