Seguici su

Cerca nel sito

Dimissioni del sindaco Lucci: parlano i Conservatori e Riformisti

Il Coordinatore: "I meno esperti hanno aperto gli occhi e hanno capito che alcuni provvedimenti cominciavano a diventare impossibili da votare"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Anche i Conservatori e Riformisti vogliono entrare nel merito delle dimissioni date dal sindaco Lucci il 9 Febbraio 2016 in piena assise comunale. Quello che sta succedendo oggi era previsto ed inevitabile. Avendo visto di persona praticamente tutti i consigli comunali fatti in questa consigliatura, si evinceva chiaramente che la maggioranza di Lucci votava tutti i provvedimenti portati in consiglio avendo piena fiducia del sindaco. Forse la poca esperienza di alcuni o la tanta esperienza  di altri ha fatto si che fino a fine 2015 si andasse in un binario preciso” – dichiara Giovanni Pietro Fogli, coordinatore di Conservatori e Riformisti.

“Cosa può essere successo dal 2016? – prosegue il comunicato – sicuramente i meno esperti hanno aperto gli occhi e anche con la collaborazione delle minoranze hanno capito che alcuni provvedimenti cominciavano a diventare impossibili da votare. Quindi hanno annunciato alla città ed al sindaco che non avevano più intenzione di votare provvedimenti sulla fiducia. Purtroppo per il sindaco le cose non si mettono bene in quanto rispetto al 2012 oggi non può scaricare le colpe su Secci, Mignacca, Fogli ed altri”.

“Oggi la responsabilità di tutto ciò è soltanto sua. Inoltre rispetto al passato questa prova di forza lo porta comunque e in caso di caduta a non potersi ricandidare. Il mio auspicio è che continuare così non serve alla città ed allora e meglio ridare la parola agli elettori il prima possibile” – conclude Fogli.

Più informazioni su