Seguici su

Cerca nel sito

Mobilità: i comitati Cittadini si battono per il tracciato viola

I Comitati: "L'Anas e la Regione ignorano le richieste dei cittadini"

Più informazioni su

Il Faro on line – “La Regione Lazio in accordo con Anas appoggia l’ipotesi verde, ignorando le richiesta dei cittadini di essere ascoltati. In sintonia con l’Amministrazione Comunale e con il Sindaco Mauro Mazzola ci battiamo per il progetto viola perché oltre allo svincolo per Tarquinia, è di minore impatto complessivo. Non a caso il progetto viola fu il primo ad essere sviluppato da Anas (2001), trattandosi del percorso più conveniente sotto ogni punto di vista. Ci opponiamo al progetto verde perché non dispone di uno svincolo, non porta alcun beneficio per i Tarquiniesi e all’economia della città, porta solo la distruzione del territorio comunale.
Ci opponiamo all’ipotesi blu perché sarebbe un massacro ambientale del territorio di Montericcio e della valle del Ranchese. La differenza di costo tra viola e verde è di molto inferiore a quanto sostenuto dall’Anas” – lo dichiarano in una nota il Comitato di Santa Maria sul Mignone, del Ranchese e della Farnesiana e il Comitato per la Difesa della Valle del Mignone.

“Sui numeri c’è poca chiarezza, girano le cifre più disparate. Comunque i costi non sono confrontabili perchè il viola è definitivo mentre al verde mancano i costi accessori e gli adeguamenti che verranno imposti dai ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali, che invece sono già inclusi nel progetto viola. Se costerà un pò di più, i fondi necessari potrebbero essere messi a disposizione, per esempio, dall’Autorità Portuale, che ha estremo interesse a vedere completata l’opera.Non permetteremo di distruggere indiscriminatamente il poco territorio rimasto intatto nel Comune di Tarquinia sulla spinta delle imprese e dell’Ansa e chiediamo alla Regione di ascoltare i cittadini e di riconsiderare le sue scelte” – conclude la nota.

Più informazioni su