Seguici su

Cerca nel sito

Riarteco 2016 a “Ca.Er.etuS: dialoghi sul territorio per il territorio”

La manifstazione è promossa secondo la logica "delle 5R": riduci, riusa, recupera, ricicla e risparmia

Più informazioni su

Il Faro on line – Lunedì 21 Febbraio, a Cerveteri (Sala Ruspoli, Piazza Santa Maria), alle 18:30, sarà presentata la manifestazione “Ca.Er.etuS – dialoghi sul territorio per il territorio”, dedicata alla promozione del territorio attraverso il turismo sostenibile, l’artigianato locale e il riciclo creativo. All’interno della manifestazione si inserisce la mostra eco-artistica “Riarteco 2016” che toccherà quattro tappe: Torino, Genova, Pisa e Cerveteri.

L’iniziativa è proposta dall’associazione Interpolis_boxe, in collaborazione con Terre Responsabili e l’Assessorato alle Politiche culturali del Comune di Cerveteri. L’obiettivo è la promozione del territorio secondo la logica “delle 5R” (Riduci, Riusa, Recupera, Ricicla e Risparmia). Per questo gli alunni delle scuole, tutti gli artisti e gli artigiani del territorio sono invitati a partecipare all’iniziativa con le proprie opere e prodotti. Le iscrizioni sono aperte fino al primo marzo.

Dal 12 al 23 maggio, Piazza Santa Maria e Case Grifoni ospiteranno conferenze, mostre e un villaggio di stand dedicati all’artigianato locale e al riciclo creativo. Tra i temi che saranno toccati ci saranno il mare e le sue tutele, il turismo sostenibile, il consumo critico, e il riciclo nelle sue declinazioni artistiche ed ecologiche.

Gli artisti che parteciperanno alla mostra collettiva itinerante Riarteco, giunta alla sua 12^ edizione, avranno l’occasione di inserire le proprie opere nel Catalogo della mostra. Per informazioni: riarteco@gmail.com – 340.1238485

I temi promossi da Ca.Er.etuS:

Il consumo critico, evitando gli sprechi ed adottando uno stile di vita sobrio che privilegi i prodotti locali e con meno imballaggi; la raccolta differenziata e i temi della salute, della sostenibilità e salubrità ambientale; il riciclo ed il riuso nell’arte, nel design, ma anche la conoscenza dei nuovi materiali finalizzati a progetti di rigenerazione e riqualificazione urbana sotto il profilo dell’economia circolare; far riflettere sui rapporti fra salute, ecosistema e creatività; promuovere il turismo responsabile, culturale e sostenibile attraverso la valorizzazione del territorio, delle sue bellezze archeologiche e del patrimonio storico-artistico.
 

Più informazioni su