Seguici su

Cerca nel sito

Forza Nuova: “I soliti politicanti dell’interesse che non pesano a Civitavecchia”

Fn: "Con gli ultimi avvenimenti accaduti nella nostra opposizione i reali interessi di costoro vengono alla ribalta"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Se qualcuno aveva dubbi, di certo noi no, sui reali interessi di alcuni politicanti da strapazzo che da anni gozzovigliano sulle spalle dei cittadini, con gli ultimi avvenimenti accaduti nella nostra opposizione i reali interessi di costoro vengono alla ribalta. Cominciamo col pezzo più pregiato di questa collezione l’on. Marietta Tidei, che senza alcun diritto si presentava insieme ad alcuni membri dell’opposizione locale, davanti ai dirigenti Enel per fare pressioni (visto il suo ruolo istituzionale e i trascorsi lavorativi del papà, di cui parleremo in seguito) e far saltare la revisione di un accordo già in essere da anni tra comune e società così che venissero bloccati 7.000.000 di euro vitali per l’economia comunale Civitavecchiese, se l’onorevole voleva interessarsi di Civitavecchia avrebbe potuto dimettersi e candidarsi per il comune, ma chi rinuncia a 20.000 euro al mese più spese ,viaggi, alloggi e ristoranti gratis?” – lo dichiara in un comunicato il gruppo Forza Nuova di Civitavecchia.

“Con il ricorso al Tar – prosegue il comunicato – firmato dai consiglieri Stella, Piendibene, Grasso, D’Angelo, Tidei e Perello hanno messo a rischio non solo gli stipendi di centinaia di famiglie ma il rischio concreto di un fallimento del comune stesso che se venisse commissariato, farebbe rischiare il posto a molti dipendenti comunali e delle partecipate comunali. Stesso discorso va fatto per il tronista de noantri Frascarelli e i sui amici che avendo presentato anch’essi un ricorso sull’accordo comune e autorità portuale hanno bloccato altri 2.000.000 di euro destinati all’Amministrazione, complicando ancora maggiormente la situazione economica cittadina, non vorremmo pensarla male ma se ci fosse lo zampino dei consiglieri Grasso e D’Angelo di mezzo?
Sempre gli stessi consiglieri sono stati ammoniti del procuratore se così si può dire rischiando lo scioglimento dell’opposizione, per aver fatto pressioni su gli addetti all’assegnazione del bando per la realizzazione dell’hotel a fiumaretta, facendo si che il tutto fosse rimandato e facendo perdere sempre al comune altri 3.000.000 di euro”.

“I consiglieri Stella, Piendibene e Tidei che protestano per l’apertura del Cara voluto dal governo guidato dal loro partito. Dulcis in fundo l’ex sindaco Pietro Tidei che è notizia di questi giorni si è dimesso da consigliere, costui non è nuovo alle dimissioni visto che già nei primi anni duemila,si era dimesso dalla carica di sindaco abbandonando i civitavecchiesi per andarsi a fare i suoi affari in parlamento.
Ecco tutto questo ci dimostra che questi individui non hanno a cuore il bene della città a questi politicanti non interessano i cittadini se non per il loro voto ma pensano solo a raggiungere dei posti di potere cercando in tutti i modi di far cadere l’attuale maggioranza, sperando poi alle prossime elezioni di convincere la gente con false promesse e sistemando i propri amici e parenti con la speranza di risiedere nuovamente nelle file della maggioranza e li fare i loro sporchi comodi come ormai accade da anni all’interno del nostro amato comune” – conclude la nota.

Più informazioni su