Seguici su

Cerca nel sito

L’Aeroporto in cima alle classifiche: il made in Italy si fa strada

Leonardo Da Vinci... fuma toscano: ogni anno se ne vendono circa 700.000 confezioni ai duty free

Più informazioni su

Il Faro on line – Solo all’aeroporto di Fiumicino se ne vendono 700mila confezioni l’anno. Per il sigaro Toscano l’hub internazionale di Roma è una delle migliori “piazze”, un ponte verso quei consumatori presi dalla voglia di un souvenir evocativo del fascino made in Italy, e di una storia tutta italiana che muove un fatturato di 91 milioni di euro, esclusa la fiscalità. L’export e il duty free, precisano Manifatture Sigaro Toscano (Mst), contribuiscono per il 7% del fatturato.Oggi va sui mercati esteri il 9% dei sigari prodotti, con una crescita costante e progressiva che ha visto passare l’export dai 4,5 milioni di sigari venduti oltre frontiera nel 2006 ai 15 milioni nel 2014.

Dal 2006 i risultati di vendita sono quasi triplicati. E crescono, sia nei duty free che nei tabaccai e fumoir del territorio nazionale e dei 58 Paesi esteri dove è esportato, i fumatori motivati all’acquisto per il piacere del tempo ritrovato, da condividere con compagni di partita o da godersi in piena autonomia. Tra i cultori illustri del sigaro toscano ci fu Giuseppe Garibaldi a cui è dedicata una serie speciale.

Tra le imprese dell’Eroe dei due mondi anche quella dell’invenzione del Toscanello, un sigaro ammezzato perché le battaglie per l’unità d’Italia non lasciavano tempo per quello tradizionale, prediletto dai fumatori più meditativi.
Il sigaro viene prodotto nei due stabilimenti Mst a Lucca e Cava de’ Tirreni in 182 milioni di esemplari, di cui 2 milioni fatti a mano e 15 milioni venduti all’estero oltre a 50 tonnellate di trinciati.

F.C. 

Più informazioni su