Seguici su

Cerca nel sito

Caduta di un albero in Via Pratica di Mare: la denuncia di Fanco

Il Consigliere: "La tragedia ha causato la morte di due persone, colpa delle segnalazioni ignorate"

Più informazioni su

Il Faro on line – Dopo la tragedia causata dalla caduta dell’albero che ha causato la morte di due persone ed il ferimento di un’altra, il consigliere comunale di maggioranza Luca Fanco ha presentato una denuncia all’autorità Giudiziaria veliterna per richiedere verifiche e controlli per l’ipotesi di reato di lesioni colpose (art. 590 c.p.) e di omicidio colposo (art. 589 c.p.). nei confronti del vice sindaco pro tempore Fabrizio Cremonini, denuncia di cui ne ha inviato copia anche al segretario comunale, al Comandante Polizia Locale, al Presidente della Commissione Anticorruzione del Comune di Ardea, alla tenenza carabinieri di Ardea e al Comando del Corpo Forestale dello Stato Ispettorato Generale Roma.

“Premesso che ieri, 3 marzo, in Via Laurentina, si è verificato il crollo di una grande pianta di Pino mediterraneo causando la morte di due persone ed il ferimento grave di un’altra e che tali episodi, fortunatamente senza esiti mortali, si sono verificati ripetutamente da diversi anni nel Comune di Ardea, nonostante le continue segnalazioni di pericolo caduta alberi e i continui interventi dei Vigili del Fuoco, della Polizia Locale, ed i numerosi interventi della Protezione Civile che in più occasioni, per ripristinare la circolazione, ha dovuto tagliare i rami delle piante cadute, con enormi motoseghe a scoppio, nonostante i ripetuti allarmi e segnalazioni, il Sindaco pro-tempore del Comune di Ardea non ha disposto con apposita ordinanza idonei interventi di potatura e messa in sicurezza, peraltro assente da anni con conseguenze di tutta evidenza, in data odierna ed in maniera del tutto “prevedibile”, uno dei grossi Pini presenti, sul tratto di strada di Via Laurentina, si è abbattuto su di un autoveicolo in transito cagionando la morte di due persone ed il ferimento grave di un’altra” – scrive nella denuncia il Consigliere.

“L’albero caduto presentava una curvatura anormale, un’altezza ed una larghezza smisurata e quindi era indubitabile la pericolosità potenziale del pino e prevedere l’evento dannoso, e quindi, chi di competenza,  aveva il dovere di impedirlo, nelle strade limitrofe a Via Laurentina, da anni ed in modo costante, a causa dell’assenza di controlli e potature, alberi delle stesse dimensioni e della stessa specie, cadono sulle carreggiate, fortunatamente causando incidenti a persone con esiti non mortali (per esempio: Via Campo Selva-Via Pratica di Mare) la morte delle due persone ed il ferimento grave dell’altra, causata dalla caduta dell’albero è stata cagionata per negligenza, imprudenza e imperizia, nonché per omessa cautela, risulta chiara ed evidente la responsabilità in capo al Sindaco pro-tempore del Comune di Ardea, ovvero a colui che poteva concretamente intervenire onde prevenire il danno per omesso esercizio del potere di vigilanza, sebbene a conoscenza del grave pericolo non disponevano alcun provvedimento o impartivano ordini per eliminare il pericolo evidente che ha cagionato la morte di persone” – prosegue il comunicato.

“Si chiede, pertanto, alle Autorità in indirizzo, di valutare, nei confronti del Sindaco pro-tempore del Comune di Ardea, l’ipotesi di reato di lesioni colpose (art. 590 c.p.) e di omicidio colposo (art. 589 c.p.) e di tutte le altre ipotesi di reato che l’ Autorità Giudiziaria rileverà nei fatti accaduti.
A supporto di quanto sostiene allega la foto della caduta odierna del pino ed una recente della caduta di un pino simile in Via Campo Selva-Via Pratica di Mare, ed una sentenza della Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 22 ottobre 2014, n. 22330″ – conclude Fanco.

Più informazioni su