Seguici su

Cerca nel sito

M5S: “Quando la politica si nutre di menzogne”

Il Movimento: "La città è scivolata nel degrado, in un’assenza di servizi e di disagi quotidiani che i cittadini devono subire”

Più informazioni su

Il Faro on line – “L’Amministrazione comunale di Ladispoli, che ha affidato deleghe sui temi più svariati, non ha mai pensato di creare un assessorato o anche una piccola delega alla cura dei rapporti con il personale che lavora al Municipio. E questo la dice lunga sull’attenzione che la politica ladispolana ha per i dipendenti. Improvvisamente si sveglia, grazie al nostro articolo, l’Assessore (ai Lavori Pubblici, che è altra cosa) Pierini che accusa il Movimento 5 Stelle di aver “sparato a zero” sul personale del Comune e di averne “offeso la dignità” – dichiara il Movimento 5 Stelle di Ladispoli.

“Ladispoli è scivolata piano piano nel degrado – prosegue il comunicato – in un’assenza di servizi (l’anagrafe fa cinque carte di identità al giorno) ed in una serie di disagi quotidiani che noi cittadini dobbiamo subire”; questa è la frase, tratta dall’intervista di Baraonda al nostro Antonio Pizzuti Piccoli, da cui nascono le accuse dell’Assessore Pierini. È evidente che le carenze in questione (vero che non si trattava di carte di identità ma di certificati di residenza) non sono imputate in alcun modo ai lavoratori dell’anagrafe.
Sappiamo benissimo che il personale del Comune di Ladispoli è sotto organico; sappiamo che i lavoratori sono sottoposti a carichi e responsabilità a cui fanno fronte, spesso svolgendo mansioni che non gli competerebbero. Possiamo rassicurare l’Assessore; se i cittadini di Ladispoli decideranno di dare fiducia al M5S, i dipendenti comunali, così come quelli delle partecipate, avranno voce e saranno coinvolti nella rinascita, anche morale, della città”.

“Tornando all’intervista di Baraonda, Antonio Pizzuti Piccoli ha affrontato varie questioni che incidono negativamente sulla nostra comunità e su cui, ovviamente, l’Amministrazione tace. Invitiamo l’Assessore Pierini, anziché ricamare e alterare le nostre dichiarazioni, a dare risposte ai cittadini sui sequestri sul litorale causati dall’inerzia amministrativa, sulle indagini in corso su vecchio e nuovo campo sportivo, sugli avvisi di garanzia che l’Amministrazione sta collezionando, sul degrado delle aree verdi, sui varchi abusivi e inutili di viale Italia, sugli eliporti spostati con i soldi dei cittadini, sulle misteriose incursioni di presunti ignoti nel palazzo comunale, ecc. ecc” – sottolinea il M5s.

“Siamo consapevoli che la politica locale stia soffrendo la pressione di un Movimento di cittadini che pretendono legalità e lavorano per dare a Ladispoli un’Amministrazione slegata da interessi particolari. I cittadini rimangono quindi in attesa di risposte sui fatti incresciosi della politica ladispolana” – conclude il Movimento.

Più informazioni su