Seguici su

Cerca nel sito

Coach Gramenzi: “Era una partita che dovevamo vincere a tutti i costi”

L'allenatore: "Cercheremo di fare ancora risultato per tirarci fuori completamente dalla zona play out"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il capo allenatore della Benacquista Assicurazioni Latina Basket, Gramenzi, soddisfatto del risultato convincente conquistato dai suoi ragazzi analizza il match che ha visto i nerazzurri affrontare la compagine siciliana La Briosa Barcellona: “Poco da dire, era una partita che dovevamo vincere a tutti i costi anche se l’avversario si giocava probabilmente una delle ultime opportunità per rimanere nella categoria. Obiettivamente oggi Barcellona fa grande fatica, vista l’assenza di Migliori ancora infortunato e la rinuncia a Smith. Devo dire brava alla squadra che piano, piano ha messo la partita sulla giusta strada”.

“La vittoria è stata costruita mano a mano – prosegue il coach – l’inizialmente abbiamo sofferto a rimbalzo poi abbiamo difeso molto meglio. Continuiamo a dover gestire Mosley per via dell’infortunio e questo per noi è abbastanza pesante, considerando che sarà così fino alla fine della stagione. Marco, però, oggi è stato molto presente, nonostante i lunghi avversari fossero di buon livello, Tagliabue ha fatto una grandissima partita, così come aveva fatto la settimana scorsa ad Agrigento, dando un contributo importante.
Se il suo rendimento è questo, riusciamo a sopperire anche ai problemi fisici di Willy, perché è indubbio che Mosley, rispetto a quello che abbiamo visto nella prima parte della stagione, attualmente sta giocando al 50%”.

Mettendo a confronto le prestazioni avute dal team pontino nei primi due mesi dell’anno con queste ultime due partite, appare evidente la ripresa di entusiasmo, forma ed energia della squadra: “Abbiamo sofferto in particolare il mese di febbraio sia per i tanti infortuni, che per un momento di stanchezza fisiologico, che può esserci nell’arco della stagione come stato di forma, però piano, piano la squadra è risalita.
La sosta della Coppa Italia ci è servita tantissimo sia per recuperare gli uomini, sia per tornare a una condizione accettabile. Oggi avere tutte le rotazioni è un grande vantaggio rispetto alle altre squadre, ci permette di mantenere un buon ritmo, deve essere questa la nostra forza per centrare la salvezza in primis. Con il successo di oggi abbiamo evitato matematicamente la retrocessione diretta, ora giochiamo per evitare di prendere parte ai play out, soprattutto pensando anche alla situazione di Mosley poi tutto quello che verrà andrà bene e ne saremo contenti, ma questi sono i nostri obiettivi”.

“La situazione di Mosley ci pesa, in particolare modo perché nella prima parte della stagione abbiamo vinto partite importanti grazie alle sue prestazioni, anche quelle degli altri ovviamente, ma il suo valore aggiunto lo si nota perché è un atleta di grande aiuto anche per tutti i ragazzi giovani che sono in campo.
E’ una certezza e una sicurezza avere un giocatore come Willy, in buone condizioni fisiche in area. Ripeto, però, se Marco continuerà a darci il contributo che ci sta dando, cercheremo di fare ancora risultato per tirarci fuori completamente dalla zona play out” – sottolinea Gramenzi.

Guardando all’immediato futuro e alle 4 restanti gare che porteranno al termine della regular season, coach Gramenzi è molto chiaro su quali sono le linee guida da seguire: “La squadra, dopo la vittoria importante ad Agrigento, ha ripreso un po’ la faccia di qualche mese fa e ha acquisito nuova energia e rinnovata fiducia. Io credo che in questa fase della stagione non si devono mai fare i conti, si deve giocare per vincere ogni partita. Ogni anno nel rush finale del campionato arrivano sorprese, quindi se sei sul pezzo e continui a vincere, sei padrone del tuo futuro e non devi aspettare nessuno”.

Più informazioni su