Seguici su

Cerca nel sito

Doppietta del Team bike nella Cross Country di casa

Guiducci e Cantoni si impongono nell’ultima tappa del Trittico Laziale, organizzata dal Team Bike  

Più informazioni su

Il Faro on line – Delirio arancio-fluo nella giornata di Pasquetta: Angelo Guiducci e Claudia Cantoni sono riusciti a conquistare il successo nella cross country che si è svolta al campo sportivo di via Guastatori del Genio sotto l’organizzazione del Team Bike Civitavecchia. Una doppietta che impone il dominio della squadra di casa nella gara messa in piedi da Vanessa Casati, Vladimiro Tarallo e i tantissimi collaboratori che hanno trascorso la due giorni di Pasqua ad allestire il percorso di 5 km che i corridori hanno dovuto ripetere più volte. 

Più di 120 bikers hanno preso parte alla gara organizzata sotto l’egida del Csi. E’ il secondo anno consecutivo che il Team Bike Civitavecchia organizza una tappa del Trittico Laziale, manifestazione che è giunta alla sua 23/a edizione. Nonostante una leggera pioggia, i corridori si sono potuti divertire su un percorso tecnico, ricco di salite e tratti tecnici.
Angelo Guiducci è riuscito ad imporsi nella gara maschile dopo un duello iniziale portato avanti dapprima con Gianfranco Mariuzzo (Mtb Santa Marinella) e in seguito con Stefano Miralli (bicidamontagna.com). Guiducci è riuscito a conquistare la prima posizione assoluta e di categoria M2 negli ultimi due giri, mentre l’altro grande protagonista di giornata è stato Luca Chiodi, che ha conquistato la terza piazza assoluta allo sprint e il primo posto di categoria M4. 

Tra le donne, dopo un primo giro che ha visto in testa Laura Sopranzi (Centro Bici Team Terni), Claudia Cantoni ha imposto il proprio ritmo, che gli ha permesso di ottenere il terzo successo al femminile su tre gare disputate. 
Conquista il podio di categoria anche Lorenzo Viscarelli, secondo tra i Primavera, così come Vladimiro Tarallo, secondo tra gli M3. In quest’ultima categoria chiude terzo Emiliano Sebastianelli, autore di una buona gara dopo essere stato colpito dalla sfortuna nelle fasi iniziali di corsa, in quanto è stato vittima di una foratura. Podio anche per Marco Crescentini, terzo tra gli M7. 
Questi i risultati di tappa ottenuti dagli altri corridori arancio-fluo: 9/o posto tra gli M1 per Sergio Micheli, 8/o posto tra gli M3 per Giovanni Battista Pierotti, 12/o tra gli M5 Gabriele Terrafina. Carlo Burattini e Francesco Nasso chiudono rispettivamente 5/o e 6/o M6. 

Per quanto riguarda le classifiche finali del Trittico Laziale hanno conquistato le maglie di leader per il Team Bike Civitavecchia Luca Chiodi (M4), Claudia Cantoni (donne) e Angelo Guiducci (M2). 
Il Team Bike Civitavecchia ringrazia tutti i volontari che hanno collaborato in queste giornate pasquali per far sì che la manifestazione riuscisse alla perfezione. Insieme a loro il ringraziamento è rivolto agli sponsor Pro Action per aver fornito gli integratori pre e post gara, la Enel per il preziosissimo aiuto per organizzare la gara, Race Mountain, MotoRacing Tolfa, la Misericordia di Santa Marinella, la Polisportiva Quartiere Campo Dell’Oro nella persona di Archimede Pucci per aver messo a disposizione il campo e la Vidya per aver fornito l’olio extravergine di oliva che è stato offerto ai due vincitori assoluti. 

“La gara è andata molto bene, siamo decisamente soddisfatti per come sia andata la giornata – spiega Vanessa Casati – è il secondo anno consecutivo che la nostra società riesce ad organizzare una tappa del Trittico Laziale e siamo onorati di aver ospitato le premiazioni finali. Tutto questo è stato possibile grazie all’ingresso del nostro nuovo partner Enel, senza il quale non saremmo riusciti a fare tutto questo, oltre a Pro Action e Race Mountain, aziende che sono al nostro fianco da tanto tempo. Oltre a ringraziare i volontari voglio ringraziare tutti coloro che hanno scelto di passare la Pasquetta divertendosi sul nostro percorso. La squadra è stata perfetta, aver ottenuto due successi assoluti e tre maglie finali al Trittico Laziale è un risultato molto prestigioso per noi”.

Più informazioni su