Seguici su

Cerca nel sito

Si chiude la IV edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”

Il direttore Giuranna: "La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, lo pongono ai vertici della categoria"

Più informazioni su

Il Faro on line – “È un complesso che spicca con risalto nel pur vario e vasto panorama musicale europeo. La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, lo pongono ai vertici della categoria e fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato” – bastano queste parole di Bruno Giuranna, violinista e direttore d’orchestra di fama, per presentare il Quartetto di Venezia, che sarà ospite il 10 aprile a Tarquinia, per il concerto di chiusura della IV edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”, organizzata dalla Fondazione Etruria Mater.

Nella loggia di Palazzo Vitelleschi (ore 17), l’ensemble formato da Andrea Vio (violino), Alberto Battiston (violino), Giancarlo di Vacri (viola) e Angelo Zanin (violoncello) presenterà un programma incentrato su Ludwig van Beethoven, suonando il Quartetto op.18 n.3 in re maggiore, il Quartetto op.18 n.1 in fa maggiore e il Quartetto op.132 in la minore. Considerato da critici ed esperti uno dei migliori quartetti d’archi italiani, con oltre trenta anni di carriera, la formazione ha suonato in alcuni tra i maggiori festival in Italia e nel mondo e vanta una vasta produzione discografica.
Numerose sono le registrazioni radiofoniche e televisive e le collaborazioni con artisti di fama mondiale. In occasione del 25° anniversario, il quartetto ha ricevuto l’alto riconoscimento del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.

La rassegna “Il Quartetto d’Archi” è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e il Comune di Tarquinia. La direzione artistica è affidata al maestroLeandro Piccioni, compositore, pianista e direttore di orchestra. La manifestazione ha il sostegno di Enel, Bcc Roma, Giove Gas, Camping Tuscia Tirrenica ed Etruria Musei.

L’ingresso è libero, ma è obbligatorio prenotarsi nella settimana che precede il concerto, presso l’ufficio d’informazione e accoglienza turistica del Comune di Tarquinia (tel. 0766/849282, email info@tarquiniaturismo.it).

Più informazioni su