Seguici su

Cerca nel sito

Djelveh: “Noi campioni dell’umiltà e della grinta”

È stata la sorpresa di questa serie A2. L’italo-iraniano chiama a raccolta i tifosi: “Domani al To Live per festeggiare l’impresa insieme”

Più informazioni su

Il Faro on line – È uno dei simboli della Futsal Isola campione. Di quell’Isola voluta da ‘Ciccio’ Angelini, concreta fino allo sfinimento, senza troppi fronzoli, mai aristocratica e snob. Dariush Djelveh s’è tolto la soddisfazione di toccare la serie A1 con un dito, dopo un campionato vissuto sul parquet, da guerriero.

“La nostra forza? Non ci siamo mai guardati allo specchio per compiacerci. Anche dopo il filotto di vittorie non abbiamo mai abbassato la guardia. Affrontavamo la partita successiva come fosse una finale. Avevamo fame di vittorie, di dimostrare che in un campionato così equilibrato potevamo dire la nostra. Vincerlo con due giornate di anticipo rispetto al calendario è stata un’impresa. C’erano almeno otto o nove squadre che si equivalevano. È stato un qualcosa di eccezionale”.

Djelveh l’operaio s’è laureato, ora non si vuole più fermare: “Sentivo il peso di dimostrare che in A2 potevo starci. Ero la scommessa del mister. Mi sono messo a disposizione e alla fine credo di aver ripagato la fiducia di tutti. Dispiace essere stato fuori due mesi nel momento migliore della stagione: stavo bene, giocavo.
Il nostro segreto? Una enorme dose di umiltà. Non abbiamo mai avuto la presunzione di dover per forza giocare il più bel futsal del campionato. Pensavamo prima di tutto a essere quadrati, difficili da affrontare, a concedere poco. La differenza tra gol fatti e subiti dimostra che alla fine abbiamo raggiunto un ottimo mix: tosti dietro e chirurgici in avanti”.

A Catania la liberazione: “È stato fantastico. Una gioia mai provata. Paura di perdere il campionato? È stato il girone di andata a essere anomalo non quello di ritorno”. Domani al To Live (calcio d’inizio alle 16) finalmente l’abbraccio con i tifosi: “Sono sempre stati il sesto uomo in campo. Vogliamo chiudere con una bella vittoria. Non sarà semplice, il Bisceglie è una squadra fortissima che avrà tanti stimoli. Ha bisogno di punti per blindare il secondo posto che in ottica play off sarà importantissimo. Noi però vogliamo vincere per dare un’ultima gioia ai nostri tifosi. Sicuramente ne uscirà una bellissima partita”.

Più informazioni su