Seguici su

Cerca nel sito

Bagno di folla per Calandri a Latina scalo

Parte da qui il rush finale per la conquista del Comune di Latina

Più informazioni su

Il Faro on line – “Un incontro tra amici ed amiche per ringraziarvi del magnifico supporto  e del  grande affetto che mi avete offerto in queste primarie del centro destra di Latina, scegliendomi come candidato sindaco” – ha esordito in questo modo Nicola Calandrini in una sala gremitissima di cittadini di Latina Scalo venuti ad ascoltarlo dopo le fatiche di queste consultazioni, nuove per questo schieramento politico, ma che hanno dimostrato tutta la sua potenzialità portando al voto 9000 elettori dei quali oltre cinquemila si sono espresse per il vincitore.
Un incontro aperto da Nadia Cacciotti che ha ripercorso tutte le tappe di un cammino partito in una torrida giornata di luglio dello scorso anno, e si è sviluppato, settimana dopo settimana toccando borghi e quartieri della città, suscitando interesse e coinvolgimento in quel popolo del centro destra uscito scosso e disorientato dalla traumatica caduta anticipata dell’amministrazione comunale.

” Avevamo bisogno di un leader capace di riprendere in mano le redini della politica a Latina, lo abbiamo trovato in Nicola, ora nulla ci è precluso con lui candidato sindaco” – ha concluso tra gli applausi scroscianti e convinti dei presenti. “Il nostro è stato un cammino nato per ascoltare la nostra gente – ha commentato Calandrini aprendo intervento – per proporre la nostra proposta della Latina di domani. Con l’idea fissa che insieme, tutti insieme, riusciremo a cambiare la nostra Città. Questo di stasera è il primo degli appuntamenti che terremo in ogni borgo e quartiere, proprio come abbiamo fatto con il primo incontro del 17 luglio 201, che è stata la partenza di un cammino che ci ha visto protagonisti, e che vogliamo concludere vincendo le  elezioni amministrative del prossimo giugno”.

Molto apprezzato l’intervento di Enrico Tiero, che non ha voluto mancare all’incontro condividendo il momento di festa, quando ha rammentato – “l’inutile sforzo di tutti quei gufi e gufetti che perdono il loro tempo nel mettere in dubbio la validità dell’alleanza tra me e Nicola, parlando di telefonate romane che mi farebbero tornare indietro suoi miei passi” – e commentando ironicamente – “visto che in Cuori Italiani rappresento sia Latina che Roma cosa faccio, mi telefono da solo…?” Piena sintonia di intenti e di progetti tra i due, quindi, con Calandrini che ha ribadito con convinzione, di fronte alle oltre 500 persone presenti in sala, il loro comune progetto di sviluppo della città e di come “proprio questa sera, proprio da Latina Scalo parte il nostro rush finale per la conquista del Comune di Latina”.

Più informazioni su