Seguici su

Cerca nel sito

Sel – Si contro il nuovo Regolamento di Polizia Urbana

Il Coordinamento locale: "Impedire e limitare con sanzioni, senza un progetto politico per vivere in modo diverso la Città, non ha nulla di educativo!"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il Consiglio comunale di Pomezia ha approvato in data 3 Marzo 2016 il nuovo Regolamento di Polizia Urbana, a 27 anni dall’ultimo (approvato il 26/10/1989), che disciplina l’occupazione di aree e spazi pubblici; la sicurezza, qualità e decoro dell’ambiente urbano; l’esercizio di mestieri e altre attività economiche negli spazi pubblici; la tutela della quiete pubblica e privata; la tenuta, protezione e tutela degli animali. Nel comunicato del Sindaco Fabio Fucci si leggono testuali parole: “È con orgoglio che presentiamo questo regolamento che va a sostituirne uno datato e inadeguato …. Si tratta infatti di uno strumento che non ha finalità repressive, bensì educative, e che va ad aggiungersi a quello della cittadinanza attiva …”. Nulla da eccepire, almeno così sembrerebbe se non si leggesse con attenzione il suddetto Regolamento. Quest’ultimo, infatti, sovrapponendosi ai regolamenti condominiali e a Leggi già in essere, cerca di sanzionare e, pertanto, controllare, qualsivoglia comportamento dei cittadini” – lo dichiara in un comunicato il coordinamento di Sinistra Italiana di Pomezia.

“Tali comportamenti vietati – prosegue il comunicato – e tanti altri ancora, vengono sanzionati con multe di circa € 300,00. La natura sanzionatoria è insita nel Regolamento di Polizia Urbana e, pertanto, è indiscutibile ma ciò che è necessario contestare è la volontà di controllo senza alternative che continua a perseguire l’Amministrazione Comunale come politica di governo della Città. La stortura di questa Politica dell’immobilismo e del controllo risiede nel non programmare, ideare e realizzare alternative contro il degrado sociale e a vantaggio della cittadinanza.
– Storicamente inaccettabile accostare atteggiamenti e modalità comportamentali della donna al suo abbigliamento;
– Imbarazzante che un Regolamento di Polizia Urbana interferisca nei regolamenti che attengono alla gestione condominiale come annaffiare piante o scuotere tappeti e simili;
– Inutile vietare l’uso dei pattini, degli skateboard e dei rollerblade ecc. se i ragazzi non hanno uno spazio attrezzato e dedicato dove svolgere tali attività e se vivono in una Città con pochissime aree verdi la cui collocazione, tra l’altro, le rende impraticabili;
– Controproducente vietare l’accesso ai giardini dopo una data ora o la possibilità di introdurvi contenitori di bevande in alcune fasce orarie quando i ragazzi di questa Città non hanno spazi pubblici e gratuiti dedicati a loro e alla loro socializzazione”.

“In tutto questo normare, vietare e sanzionare, manca, a nostro avviso, un progetto politico che:
• Finanzi spazi di socialità gratuiti per bambini, ragazzi e adulti;
• Ampli e riqualifichi le aree verdi;
• Preveda la progettazione di spazi attrezzati rivolti agli adolescenti e ai giovani;
• Crei le condizioni di generazione della cultura dell’appartenenza e del rispetto per la Città. Quella cultura che è  ‘presa di possesso della propria personalità … per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri’ (Antonio Gramsci)”.

“Una volta destinati spazi e progettate soluzioni reali per la vita della collettività, l’azione di controllo e di rispetto delle regole diviene necessaria e assume una valenza di sviluppo vero del senso civico dei cittadini di qualsiasi età. Il Sindaco, inoltre, parla di uno “strumento con finalità educative” e dichiara “come tutti i regolamenti prevede delle sanzioni per i trasgressori, ma vuole essere soprattutto uno strumento educativo per i cittadini, a partire da quelli più giovani. Vietare il bivacco nelle aree pubbliche così come i giochi che possano arrecare intralcio o disturbo va proprio in questa direzione: è importante tutelare le nostre piazze, i nostri giardini, il nostro arenile trasmettendo alla cittadinanza l’importanza degli spazi pubblici e della quiete pubblica”.

Vorremmo ricordare al Sindaco e alla Giunta che educare significa letteralmente condurre fuori; quel meraviglioso processo di scambio per cui nella relazione io e l’altro tiriamo fuori le nostre capacità, i nostri talenti e le nostre possibilità conoscitive. In un regolamento di Polizia Urbano, nulla è davvero educativo perché è semplicemente la dovuta risposta a comportamenti ineducati. L’educazione risiede in tutte le azioni che vengono messe in campo affinché non siano più necessarie le sanzioni!”.

“Certo, ‘vendere’ come strumento educativo il regolamento di Polizia Urbana è tutta un’altra cosa in termini di marketing della Politica! Impedire e limitare con sanzioni, non ha nulla di educativo! Educare è realizzare spazi dedicati alla socializzazione, spazi dedicati al gioco, spazi dedicati allo svago. Educare non è aver paura che i cittadini, giovani e adulti, possano rovinare la Città nella quale vivono. Educare è dare a tutti i cittadini i luoghi e gli spazi d’espressione per dare alla collettività il loro meglio. Educare è rendere tutti liberi nel pensiero attraverso azioni che non reprimano ma che, al contrario, responsabilizzino tutti i cittadini alla cura della Città” – conclude il comunicato.

Più informazioni su