Seguici su

Cerca nel sito

Fermiamo Cupinoro: “Un errore escludere i cittadini dal convegno sull’enciclica”

Dal Movimento, una lettera aperta al direttore del Parco di Bracciano e Martignano

Più informazioni su

Il Faro on line – Fermiamo Cupinoro scrive una lettera aperta al direttore del Parco di Bracciano e Martignano sul convegno che sarà tenuto domani sull’enciclica di Papa Francesco Laudato Sii: “Egregio Dott. Curatolo, leggiamo con dispiacere la sua comunicazione nella quale ci scrive – contrariamente agli accordi presi – che ritiene difficile e ‘molto, molto opinabile’ un intervento del nostro comitato al convegno promosso dall’Ente Parco di Bracciano e Martignano sui temi dell’Enciclica Laudato Si’.
Avremmo voluto semplicemente sottolineare – come Le avevamo scritto – che è fondamentale di questi tempi una convergenza tra tutte le forze sociali per fronteggiare il pericolo che la nostra Terra sta correndo, convergenza che anche il Papa auspica. Come cittadini riteniamo di fare parte delle forze sociali. Ma Lei evidentemente non la pensa così”.

“Saremmo venuti – come d’accordo – senza striscioni, senza attaccare nessuno, per portare brevemente la nostra esperienza sull’ambiente e sulla gestione dei rifiuti, parlando dopo gli interventi di tutti gli altri relatori. Ma per Lei evidentemente anche questo era troppo. Meglio evitare fastidi – e il grave pericolo di mettersi a discutere all’ora di pranzo. Verremo comunque al convegno. Ascolteremo chi parla, cosa dice e cosa non dice. Già ci chiedevamo il motivo, ad esempio, della presenza dell’on. Minnucci – acceso sostenitore delle centrali a biometano e del polo industriale dei rifiuti di Bracciano – a un convegno sulla difesa ambientale. O dell’assessore Buschini, fautore degli impianti di incenerimento”.

“In quale veste questi amministratori parteciperanno al convegno? Forse come esempi viventi di ciò che la politica non deve fare? Verremo e cercheremo di distinguere il vero dal falso, un compito difficile in questi tempi di mistificatori e inquinatori travestiti, di greenwashing e finte rinnovabili. A questo riguardo, per farLe capire il livello a cui siamo giunti, Le segnalo un recente articolo secondo il quale dall’Enciclica del Papa discenderebbe naturalmente l’astensione al Referendum sulle Trivelle (http://ottimistierazionali.it/referendum-enciclica/). L’articolo proviene da un sito in cui c’è la firma di Chicco Testa, che prima di diventare il paladino del nucleare è stato presidente di Legambiente … (abbiamo notato anche il marchio di Legambiente sulla locandina del convegno)”.

“Siamo con Papa Francesco nel pensare che è ora di girare pagina. Di mettere fine all’ipocrisia, a questa mentalità profondamente inquinata dall’inganno e dai compromessi, che in Italia produce ogni giorno 500 morti di cancro per cause ambientali. Tra cui quelli nel nostro territorio. ù
La salutiamo e Le ricordiamo che la rivoluzione a cui il Santo Padre ci invita nasce proprio dall’impegno personale, interiore, verso una nuova ecologia del comportamento. Ecologia che a nostro avviso comprende il rispetto di se stessi e per la parola data, e l’attenzione ai bisogni dei soggetti più deboli della comunità” – conclude la lettera.

Più informazioni su