Seguici su

Cerca nel sito

Il 4 senza non si ferma. Remo su remo, arriva l’argento in Coppa del Mondo

Una splendida Italia, nella Coppa del Mondo di canottaggio. I campioni mondiali non tradiscono. Secondi, alle spalle degli Usa 

Più informazioni su

Il Faro on line – Un periodo straordinario, quello che il 4 senza maschile, azzurro, sta vivendo, nelle competizioni internazionali, che lo vedono protagonista. Dopo il doppio oro vinto al Memorial Paolo D’Aloja e prima di tutto, il titolo mondiale conquistato nelle acque di Aiguebelette, in Francia, lo scorso anno, ha ottenuto uno splendido secondo posto, in Coppa del Mondo.

La manifestazione di canottaggio, che si è tenuta dal 16 al 17 aprile, sul lago di Varese, ha visto i campioni del mondo, Giuseppe Vicino e Matteo Lodo, delle Fiamme Gialle, Marco Di Costanzo, delle Fiamme Oro e Matteo Castaldo, del RYCC Savoia, lottare remo su remo, in una finale, molto combattuta. Insidiati da un’Olanda battagliera, che poi è arrivata terza ed all’inseguimento degli avversari americani, che ritroveranno a Rio 2016, i campioni mondiali non hanno ceduto di un metro. Punta a punta, negli ultimi 300 metri, hanno alzato voce e cuore e sono andati sul traguardo, agguantando il secondo gradino del podio, con il tempo di 6.10.16.

Il là, di Giuseppe Vicino ai suoi compagni di barca, ha smosso la gara e tutti insieme, in sintonia, hanno combattuto, arrivando stremati e felici, al traguardo. Uno splendido argento dunque, è giunto, ai già qualificati per Rio 2016, grazie al titolo mondiale vinto in Francia. 
Nella scorsa intervista, del 16 aprile, rilasciata per Il Faro on line, sia Giuseppe Vicino che Matteo Lodo si auguravano che questo torneo della Coppa del Mondo, portasse una vittoria importante, nei confronti di nazioni, che incontreranno anche ai Giochi: “Abbiamo la prima Coppa del Mondo, della stagione – dichiarava Giuseppe Vicino, prima della Cerimonia di Premiazione, al Comando Generale della Guardia di Finanza, del 13 aprile, continuando – troveremo nazionali che incontreremo anche sicuramente alle Olimpiadi  e sono avversari per il podio. È una fase di studio. Daremo il massimo”. 

Il massimo è stato dato. I campioni azzurri del 4 senza hanno vogato, con determinazione e impegno. Tutti gli appassionati di canottaggio, lo hanno visto, anche dalla diretta televisiva di Raisport. E negli ultimi 300 metri, i canottieri azzurri hanno detto no, al destino. E sono saliti sul podio, mettendo al collo, uno splendido argento.
Foto : Ufficio Stampa Fiamme Gialle

Alessandra Giorgi

Più informazioni su