Seguici su

Cerca nel sito

Alitalia maintenance systems, i lavoratori “chiamano” il  Governo

Domani nuova protesta a Fiumicino

Più informazioni su

Il Faro on line – Sindacati Ams di nuovo in piazza. A pochi giorni dalla scadenza del bando di vendita, sono ancora lontane le soluzioni, “siamo di nuovo a manifestare affinchè venga trovata una soluzione che fino ad oggi è mancata – dichiarano le organizzazioni sindacali Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Ugl trasporto aereo – ci aspettiamo un impegno risolutivo da parte del governo in questa settimana che risulta cruciale e che viene a ridosso della chiusura del bando prevista per il 5 maggio di vendita di Alitalia Maintenance Systems.

Siamo qui a Monte Citorio – proseguono i sindacati – perché l’appello che stiamo di nuovo lanciando è diretto al Presidente del Consiglio Matteo Renzi in qualità di Ministro ad interim dello sviluppo economico. Non deve assolutamente mancare il sostegno della Regione Lazio attraverso il Presidente Zingaretti quale elemento di congiunzione tra il territorio e il governo centrale perché le istituzioni regionali e nazionali si assumano le doverose responsabilità in difesa dei lavoratori italiani”.Già lo scorso novembre i lavoratori di Alitalia Maintenance Systems avevano fatto un sit-in davanti alla palazzina Alitalia nel disperato tentativo di fermare lo scellerato progetto che prevede lo smantellamento di un’altra azienda di eccellenza italiana in favore della cordata di investitori arabi che un pezzo alla volta sta comprando l’aeroporto della capitale italiana.Domani si replica, sempre di fronte alla palazzina Alitalia, in attesa che da Palazzo Chigi qualcuno batta un colpo.

Il MoVimento5Stelle è stato da subito la sola forza politica a fianco dei lavoratori – affermava all’epoca Fabiola Velli – organizzando fra l’altro, il 26 ottobre scorso a Montecitorio, un incontro con tutte le parti interessate a cui erano presenti fra gli altri portavoce anche Alessandro di Battista e Luigi Di Maio, per discutere la questione Alitalia nei suoi diversi aspetti. E’ evidente che la vicenda è ancora lontana dal trovare una soluzione congrua per le centinaia di lavoratori coinvolti». Poi si sono sussrguiti interventi un po’ di tutt le forze politiche, sindaco Montino compreso, a sostegno dei lavoratori. Ma di concreto, fino ad oggi, non si è visto nulla, e per i lavoratori, finita la Cig, è tempo di mobilità.

Più informazioni su