Seguici su

Cerca nel sito

Al Mattei il Sindaco incontra tutti gli under-35 

Pascucci: "Mi aspetto da loro suggerimenti su uno sviluppo della città diverso dal passato"

Più informazioni su

Il Faro on line – Giovedì 12 maggio l’Amministrazione comunale incontrerà i giovani under-35 per discutere il futuro di Cerveteri. L’incontro, aperto a tutti, si terrà nell’aula magna dell’istituto Enrico Mattei (via Settevene Palo Nuova) alle 18:30.

“Dopo 30 incontri in tutto il territorio per discutere con i cittadini le linee guida del nuovo piano regolatore – ha detto il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – sentivamo l’esigenza di confrontarci in modo più attento con i giovani, che spesso ricevono meno stimoli per approcciarsi a questi temi. Invece è proprio da loro che noi ci aspettiamo le idee più innovative, i suggerimenti più al passo con i tempi con le esigenze di una città che cambia. Se parliamo di Cerveteri nei prossimi 25 anni, è dalle ragazze e dai ragazzi che hanno oggi tra i 16 e i 35 anni che pensiamo di ricevere indicazioni su un tipo di sviluppo diverso dal passato, sicuramente più sostenibile e attento, in cui vive una comunità più inclusiva e connessa al territorio. L’incontro è finalizzato alla raccolta di tutte queste idee, spero che la risposta da parte dei ragazzi sia forte e che sia solamente l’inizio di un nuovo percorso di partecipazione”.

L’organizzazione dell’incontro è stata affidata dal Sindaco a Federica Battafarano, la più giovane Consigliera comunale di Cerveteri, che ha collaborato con l’Assessore alla Partecipazione Francesca Pulcini e con il Delegato alle Politiche Giovanili Riccardo Baldani.

“La prima cosa che va ricordata a tutti è che la politica devono farla i giovani – ha detto Federica Battafarano – perché è qualcosa che li riguarda da vicino. Se la gestione della cosa pubblica continuerà a rimanere appannaggio di altri, i giovani non potranno decidere il tipo di sviluppo che dovrà avere la città in cui vivono. Ci piacerebbe che da questo incontro arrivassero delle proposte concrete, magari da sviluppare all’interno di altri incontri in cui i giovani possano avere veramente voce in capitolo sui temi importanti per la città”.

Più informazioni su