Seguici su

Cerca nel sito

Calandrini sulla rapina a Borgo Sabotino: “Subito interventi a tutela dei cittadini”

Il candidato sindaco: "Nel mio programma ho indicato fin da subito la sicurezza tra le priorità da perseguire nei primi cento giorni"

Più informazioni su

Il Faro on line – La sicurezza, una priorità nel programma elettorale del candidato sindaco del centrodestra Nicola Calandrini che interviene dopo un altro fatto criminoso come la rapina subita dal noto imprenditore Bruno Canini e sua moglie nella villa di Borgo Sabotino. “Questa drammatica vicenda conferma l’assoluto bisogno di interventi immediati. Nel mio programma ho indicato fin da subito la sicurezza tra le priorità da perseguire nei primi cento giorni di amministrazione. Senza ricorrere a facili proclami ho parlato di interventi concreti, dai costi contenuti e dai tempi sostanzialmente brevi.
A partire dall’illuminazione e dalla videosorveglianza, da sistemare e implementare sia in pieno centro che nei borghi: la nota “zona dei pub” o il lungomare durante il periodo estivo sono soltanto alcuni degli obiettivi sui quali attivare un monitoraggio 24 ore su 24, con un collegamento ad una centrale operativa comunale e un numero verde sempre disponibile”.

Calandrini parla anche di interventi a medio e lungo termine, programmabili in base alla disponibilità delle Istituzioni e del Governo centrale: “Solleciterò presso il Prefetto di Latina la convocazione di una nuova seduta del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, al fine di richiedere un potenziamento degli organici delle forze dell’ordine, senza il quale i servizi di pattugliamento sarebbero del tutto privi di efficacia. La mia intenzione è quella di attivare un presidio di Polizia nei quartieri ex Q4 e Q5, ma anche a Borgo Bainsizza e presso la stazione ferroviaria. Altra mia priorità è l’istituzione del vigile di quartiere per la sicurezza nelle strade e nei parchi. Queste misure rappresenteranno un deterrente per gli atti di criminalità e una sorta di solida protezione per i nostri cittadini”.

Più informazioni su