Seguici su

Cerca nel sito

Europei, Detti d’oro e staffette azzurre d’argento nel nuoto

Parte col botto la Nazionale di nuoto agli Europei in svolgimento a Londra. Nelle gare della sera, le stelle azzurre brillano

Più informazioni su

Il Faro on line – Tre medaglie conquistate nel primo giorno dedicato al nuoto. Dopo le straordinarie vittorie, nel sincronizzato e nei tuffi, i successi del movimento acquatico italiano continuano a Londra. I campioni e le campionesse che sono saliti sul podio, nell’Olympic Acquatic Centre, sono stati quelli delle staffette, insieme ad un grande Gabriele Detti.

Il vicecampione europeo di Netanya 2015, nei 1500 stile in vasca corta, ha ottenuto il grande risultato di toccare per primo la piastra, nei 400 stile libero, dopo una grande gara in acqua. Tanta l’emozione di Gabriele sul podio, dove ha ascoltato l’Inno italiano, insieme ai suoi compagni di Nazionale, che lo applaudivano dagli spalti. Detti ha messo al collo una goccia dorata e registrato il tempo di 3’44’01, ottenendo il suo primo titolo europeo, assoluto.

Dopo di lui, sono scese nella piscina londinese le micidiali staffette azzurre, che ancora una volta hanno alzato la voce sui loro avversari e sono salite sul podio. Due argenti per loro, nella 4×100 stile. Sia per gli uomini che per le donne. Due gare mozzafiato, per i primi e per le seconde. Due grandi protagonisti in acqua, insieme ai fedeli compagni di avventura, Filippo Magnini e Federica Pellegrini. Filippo ha rosicchiato un prezioso centesimo in più, ai terzi arrivati del Belgio, battendo la mano sulla piastra, per primo e acciuffando l’argento sperato, mentre Federica, dopo una frazione personale di intensa cavalcata verso l’argento, ha ripreso metri e acqua, regalando questa gioia alle sue amiche di vasca.

La squadra degli atleti azzurri, formata da Luca Dotto, Luca Leonardi, Jonathan Boffa e Filippo Magnini, ha segnato il tempo di 3’14’’29, mentre le atlete tricolori, Erika Ferraioli, Aglaia Pezzato, Silvia Di Pietro e Federica Pellegrini, hanno fermato il timing sui 3’33’’68, mettendosi alle spalle le temute avversarie della Svezia.

Le gare proseguono a Londra e l’Italia aspetta altre importanti vittorie, dagli dei della vasca azzurra.

Alessandra Giorgi

Più informazioni su